Giovedì, 13 Dicembre 2018

Spettacolare eruzione dello Stromboli - VIDEO

Una nuova "esplosione maggiore" è stata registrata sul vulcano Stromboli dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). Segue l'intensa sequenza esplosiva che il 24 aprile 2018 ha coinvolto le bocche dell'area centro-sud. Nella notte la prima forte esplosione che ha interessato la bocca "N2", nell'area settentrionale della terrazza del cratere.

La durata di questo evento è stata di circa 5 secondi. I prodotti grossolani, sia litici (frammenti di lava già consolidata) che piroclastici (brandelli di magma incandescente), si sono distribuiti principalmente in direzione ovest-nord ovest, ricoprendo la parte alta della Sciara del Fuoco e rotolando abbondantemente lungo le sue pendici.

Diciassette secondi dopo la prima esplosione sono avvenuti getti continui di lava dall'altezza di alcune decine di metri che, gradualmente, seguiti da esplosioni discontinue (spattering), intervallate da alcune esplosioni di cenere e materiale incandescente di bassa intensità che hanno raggiunto un'altezza massima di circa 80 metri. L'intera sequenza esplosiva è durata circa tre minuti. Successivamente, il vulcano è tornato alla sua 'normale' attività stromboliana.

Questi eventi esplosivi sono contraddistinti da una maggiore violenza rispetto all'attività stromboliana "ordinaria" che, invece, caratterizza nella quotidianità questo vulcano. Sono eventi imprevedibili che possono causare la ricaduta di bombe vulcaniche, lapilli e frammenti rocciosi anche abbastanza grandi nella porzione sommitale del vulcano, e che quindi risultano potenzialmente pericolosi per qualsiasi osservatore si trovi a transitare nelle zone del belvedere del Pizzo sopra la Fossa, o lungo i sentieri che vi conducono.

L'esplosione avvenuta la sera del 26 aprile, a causa del vento, ha prodotto una abbondante ricaduta di materiale incandescente unicamente all'interno della terrazza del cratere e lungo la Sciara del Fuoco, risparmiando la zona del Pizzo. L'attività eruttiva dello Stromboli è costantemente monitorata dall'Ingv mediante i sistemi osservativi, geofisici e geochimici gestiti dalle Sezioni di Catania, Napoli e Palermo.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X