Giovedì, 19 Luglio 2018
QUIRINALE

Nuove consultazioni, il Colle accelera
Ma le distanze restano, M5s: "No a FI"
Il centrodestra: "Noi coalizione unita"

ROMA. «C'è solo una soluzione per sbloccare questo stallo e investe Silvio Berlusconi: deve mettersi di lato e consentire la partenza per un governo di cambiamento. Altrimenti l’unica risposta è che non riteniamo possibile un governo del M5S con Fi. E' chiaro che la coalizione di  centrodestra è tuttora divisa, perché mentre il leader della  Lega apriva al M5S, con una battutaccia nei nostri confronti  Berlusconi ha dimostrato che il centrodestra stesse sperando in  questo momento nel Pd». Lo dice Luigi Di Maio al termine delle consultazioni al Quirinale.  «Devo dire che ho apprezzato  l'apertura da parte di autorevoli esponenti del pd ma è chiaro  che in questo momento il Pd è fermo su posizioni che non  aiutano».

Prosegue dunque il braccio di ferro tra Fi e Movimento cinquestelle mentre i vertici di Forza Italia si sono riuniti a Palazzo Grazioli a ora di pranzo con la capogruppo della Camera Maria Stella Gelmini che ha confermato il no a veti su Berlusconi.

"Parteciperemo ad un governo - ha detto la Gelmini - solo se ci sarà una dichiarazione esplicita e chiara da parte dell'M5S e che ci sia pari dignità tra tutte le componenti del centrodestra, FI e Berlusconi. Senza questa condizione la trattativa non potrà neanche iniziare". Ma è poi arrivato il secco no dei grillini.

Una distanza che aumenta anche dopo il confronto del centrodestra con Mattarella.

"Se continuasse il gioco delle tattiche politiche e dei veti mentre gli italiani soffrono vuol dire che la richiesta di cambiamento" emersa dalle elezioni del 4 marzo sarebbe "disattesa - ha detto Matteo Salvini al termine delle consultazioni al Quirinale -. Speriamo non sia così per l'Italia, per noi è il valore più grande". "Ci aspettiamo dalle altre forze politiche, a partire dal Movimento 5 Stelle altrettanta responsabilità nei confronti del paese" di quella che il centrodestra sta dimostrando. "Abbiamo fiducia nella saggezza e nell'equilibrio del presidente della Repubblica a cui abbiamo rappresentato una serie provvedimenti che gli italiani aspettano". Lo dice Matteo Salvini al termine delle consultazioni al Quirinale.

Il centrodestra esibisce unità anche per bocca di Berlusconi.  "La coalizione è solidissima, è compattissima" ha risposto ai cronisti uscendo dal Quirinale dopo le consultazioni.  "Mi raccomando fate i bravi e sappiate distinguere i veri democratici da chi non conosce l'abc della democrazia...", ha detto congedandosi dai giornalisti al Quirinale dopo la dichiarazione congiunta del centrodestra letta da Matteo Salvini al termine dei colloqui con il Capo dello Stato.

Intanto proseguono le consultazioni. La delegazione del Pd ha ribadito al capo dello Stato il proprio ruolo di minoranza. "Il Paese ha il bisogno di scelte chiare - ha detto Maurizio Martina -: chi ha prevalso ha il dovere di dire cosa vuol fare senza continuare con i balletti di polemiche pubbliche che nascondono solide intese di occupazione" di incarichi.

La mattinata al Quirinale però era trascorsa in un clima fiducioso e il presidente della Repubblica sembra intenzionato ad accelerare per forzare i partiti a una intesa.

Intanto la politica estera irrompe nella crisi di Governo e può essere uno dei fattori acceleranti di una soluzione.
"Mattarella è preoccupato per l'escalation in Siria e per come reagiscono le forze politiche in Italia", ha riferito Juliane Unterberger, presidente del Gruppo per le Autonomie del Senato, dopo aver parlato con il capo dello Stato. Anche le altre delegazioni hanno parlato della necessità di dare presto un Governo all'Italia in relazione alla crisi siriana e al decisivo Consiglio europeo di fine giugno.
Ovviamente la formazione di un governo con caratteristiche sovraniste e populiste pone grossi interrogativi sulle linee fondamentali di politica estera italiana e con tutta probabilità il presidente, avanzando lo stato delle trattative, sta interrogando i partiti anche su temi di politica estera, a partire dall'Atlantismo e dal rispetto dei Trattati europei.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X