Domenica, 27 Maggio 2018

La guerra dei dazi spaventa l'industria dell'auto

Motori
La guerra dei dazi spaventa l'industria dell'auto
© ANSA

Il fantasma della guerra commerciale spaventa l'industria automobilistica europea per le eventuali ripercussioni sull'occupazione e sui programmi più innovativi che si preparava a intraprendere. Si temono ricadute per un commercio decisamente positivo e che vede gli Stati Uniti al primo posto tra i destinatari delle esportazioni di auto europee e italiane.

"Il commercio internazionale è un pilastro fondamentale della competitività dell'industria automobilistica europea", rileva Erik Jonnaert, segretario generale dell'Associazione europea che riunisce i 15 maggiori costruttori di automobili (Acea). Le preoccupazioni dei produttori europei di auto e moto erano emerse nei giorni scorsi anche nel salone di Ginevra, sia con la posizione ferma dell'amministratore delegato della Fca, Sergio Marchionne, per il quale "se si dovesse fare la guerra dei dazi fino alla fine vincerebbe l'America", sia con quella più ottimista dell'amministratore delegato della Pirelli, Marco Tronchetti Provera, convinto che "l'interesse di tutti sia far crescere in modo equilibrato l'economia".

I costruttori europei che fanno capo all'Acea rilevano che il settore automobilistico rappresenta il 10% degli cambi commerciali complessivi fra Europa e Stati Uniti e che gli Stati Uniti sono attualmente il terzo grande esportatore di auto in Europa in termini di valore, pari al 15,4% delle importazioni europee nel 2017. Nello stesso anno gli Stati Uniti sono stati anche i primi destinatari delle esportazioni europee di automobili, sia in termini di unità (20,4%) sia di valore (29,3%). Senza contare, rileva Jonnaert, il ruolo importante che i costruttori europei giocano nel mercato americano, tanto che "alcuni di essi hanno le loro fabbriche più importanti non in Europa, ma negli Usa".

Gli Stati Uniti sono molto importanti anche per l'industria automobilistica italiana, come indicano i dati dell'Anfia (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica) rilevati a novembre 2017: con un valore di 469 milioni, gli rappresentano, in valore, il primo Paese dell'export di autoveicoli per l'Italia. Analoghe le preoccupazioni nel settore delle due ruote: il segretario generale dell'Associazione europea dei costruttori di motocicli (Acem), Antonio Perlot, rileva che "gli Usa sono il primo partner commerciale dell'Europa" e ritiene che i dazi "potrebbero danneggiare gravemente l'industria motociclistica di entrambi". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X