Sabato, 15 Dicembre 2018
MALTEMPO

Meteo, la neve spacca l'Italia in due: allerta al nord, disagi sulle strade

BOLOGNA. Il rinvio della partita del Palermo contro il Parma arriva dopo le nevicate che continuano a colpire il nord Italia e che hanno di fatto reso impraticabile il "Tardini". La decisione è arrivata anche dopo l'allerta meteo dal mezzogiorno di oggi fino alle mezzanotte di domani sull'Emilia-Romagna, per piogge e neve. Anche in Sicilia, dopo il gran caldo degli ultimi due giorni, sabato troviamo temperature in dimuzione e pioggia.

A lanciarla l’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e Protezione Civile che ha individuato un "codice giallo" per criticità idrogeologica e piogge sulla Romagna e sui bacini emiliani centrali e orientali e, per neve, sui sui bacini emiliani centrali, occidentali e orientali; sulla pianura emiliana, sulla pianura e la bassa collina emiliana occidentale.

«L'intensificazione della perturbazione, che interessa nella giornata di sabato 3 marzo il territorio regionale - si legge in una nota - apporterà precipitazioni diffuse deboli-moderate. Le precipitazioni saranno a carattere nevoso, con quantitativi nelle aree di pianura centro-occidentale sopra soglia, stimati intorno a 5-10 centimetri. Nelle aree collinari e montane saranno intorno a 15-30 centimetri. Non si escludono fenomeni di acqua mista a neve nella pianura bolognese e ferrarese. Sulla Romagna le precipitazioni saranno sotto forma di pioggia e quota neve da 700-800 metri. Fenomeni in esaurimento nella nottata».

Un senzatetto è stato trovato  cadavere, ieri sera, in una ex fabbrica a Mantova dove aveva  ricavato un alloggio di fortuna. A stroncarlo, molto  probabilmente, il freddo di questi giorni. La vittima è Ben
Abdelkader, 52 anni, tunisino, da anni a Mantova. L’uomo aveva  problemi di alcol ed era malato; era seguito con molte  difficoltà dai servizi sociali del Comune. A scoprire il  cadavere, martoriato dai topi segno che la morte potrebbe  risalire a qualche giorno fa, un connazionale che ha dato  l'allarme. Sul corpo nessun segno di violenza.

E' stato un altro duro colpo, quello inferto dalla forte mareggiata, alle difese delle strutture balneari di Fregene sud, da tempo ormai alle prese con un rilevante fenomeno erosivo della spiaggia. Per tutta la giornata di ieri e la scorsa notte le onde hanno superato le barriere e causato danni tra il Point Break, che avuto compromesso il rimessaggio, il Tirreno, Il Capri ed il Rivetta. Danni a cabine e tettoie, mentre l’acqua ha scavato le fondamenta di alcune strutture e magazzini.

A Focene,nella serata di ieri, l’acqua del mare ha scavato un percorso sull'arenile ed ha raggiunto un’area, seppur limitata, di viale di Focene. Sul posto una pattuglia della polizia locale. Dopo la caduta di rami (indeboliti dalla nevicata dei giorni scorsi) ieri, uno dei quali ha danneggiato il parabrezza di un’auto in via san Carlo a Palidoro, questa mattina una quercia è caduta invadendo la carreggiata di via Austis ad Aranova. In azione i vigili del fuoco, al lavoro per rimuoverlo, e la polizia municipale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X