Venerdì, 14 Dicembre 2018
I DATI

Il Codacons: in Sicilia 160mila cause condominiali pendenti

PALERMO. Sono circa 160 mila le cause civili pendenti in Sicilia e relative a liti per questioni condominiali. La stima arriva dal Codacons.

Sempre più spesso litigi e acredini tra vicini di casa finiscono nelle aule di tribunale; discussioni che nascono per i più svariati motivi: il volume troppo alto del televisore, auto e scooter parcheggiate negli spazi condominiali, animali domestici che sporcano e piante sui balconi che infastidiscono chi abita ai piani bassi.

Tra ricorsi, controricorsi e spese legali la spesa è pari in media a 5 mila euro a vertenza, spiega l'associazione, che ricorda che è attivo il servizio "scudo legale" messo a disposizione per i propri associati.

I principali motivi di lite nei condomini della regione sono gli odori fastidiosi provenienti da altri appartamenti (in genere legati all'utilizzo della cucina); rumori molesti (tv o radio a volume eccessivo, scarpe col tacco, sedie spostate, ecc.); animali domestici (cani che sporcano il cortile, che abbaiano eccessivamente, che attaccano altri condomini, gatti che miagolano di notte); errato utilizzo delle aree condominiali comuni (auto parcheggiate in modo errato, materiali depositati negli androni, terrazze condominiali usate come ripostigli); problemi connessi ai cortili o ai giardini condominiali (bambini che giocano a pallone, persone che parlano a voce alta); vertenze con l'amministratore di condominio (richieste inevase, lavori non eseguiti, manutenzione dei locali non effettuata); piante e balconi (innaffiatura eccessiva, foglie che cadono, tovaglie e tappeti sbattuti dal piano superiore).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X