Lunedì, 25 Giugno 2018

Masterchef, alla prima prova promossi Marianna, Giovanna e Simone

MILANO. Dopo gli episodi dedicati alle selezioni, la cucina di Masterchef ha acceso ufficialmente i fornelli con i venti aspiranti chef. I migliori cuochi amatoriali scelti da Bruno Barbieri, Antonia Klugmann, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo si sono ripresentati su banchi di scuola, solo che questa volta invece che con lezioni di storia e matematica, si sono trovati a confrontarsi con primi, secondi piatti e dolci.

Ad aprire le danze è stato il primo appuntamento dei concorrenti con la famigerata Mistery Box, ovvero una selezione di dieci ingredienti scelti dai giudici con il tema della fortuna (tra lenticchie, le orate che in Giappone sono simbolo di buona sorte, peperoncini scacciaguai, bietole verde dollaro e altro), con i quali i venti hanno dovuto pensare una ricetta e prepararla nel tempo massimo di quarantacinque minuti. Non poche le difficoltà che gli aspiranti cuochi certificati dalla scuola del talent di casa Sky si sono trovati a dover affrontare, con le lancette dell'orologio a mettere sotto pressione i cuochi amatoriali.

"I piatti hanno raggiunto un livello che non abbiamo mai visto ad una Mistery Box" ha detto Bastianich a proposito della prova. Il primo selezionato per gli assaggi dei quattro chef è stato Alberto, apprezzato da tutti. Il secondo piatto da assaggiare scelto dai quattro è stato quello della dominicana Joayda, mentre il filetto d'orata che ha convinto di più è stato quello di Denise. Tra i tre concorrenti, il piatto vincente è stato però quello di Joayda, premiata con una visita in dispensa che l'ha avvantaggiata sulla prova successiva, scegliendo gli ingredienti per l'Invention Test di tutti: gli affumicati, sempre da cucinare in quarantacinque minuti, con tanto di macchinetta affumicatrice sconosciuta ai più.

La vincitrice della Mistery Box, Joayda, ha presentato per prima il suo piatto che però è stato giudicato come scarso di personalità. Nessun grande apprezzamento da parte dei giudici nemmeno per Antonio e Kateryna, mentre Italo ha convinto Bastianich, così come Giovanna ha fatto con Barbieri, che poco prima l'aveva messa in difficoltà facendola piangere, e con la Klugmann.

Pollice verso per Ludovica, anche lei in lacrime, che Joayda aveva messo volutamente nel mirino con la sua scelta degli ingredienti. Alla fine della lunga carrellata di assaggi, i quattro giudici hanno però dovuto scegliere il piatto migliore ma anche il primo eliminato dalla cucina di Masterchef.

Premiata Giovanna che per la successiva prova in esterna ha vinto la fascia da capitano. Tra i tre peggiori, Simonetta, Tiziana e Ludovica, i giudici hanno mandato a casa Simonetta, dando una seconda possibilità a Ludovica.
Protagonista della seconda puntata della serata è stata la prima prova in esterna, organizzata in piazza Santo Stefano a Bologna, città di Bruno Barbieri. I diciannove aspiranti chef hanno dovuto cucinare per centocinquanta bolognesi, divisi in due brigate alle prese rispettivamente con crescentina, mortadella, tagliatelle tassativamente di otto millimetri i 'rossi', antipasto, fritto misto alla bolognese e torta di riso, i 'blu'.
Giovanna, la vincitrice dell'Invention Test ha avuto la possibilità di scegliere i 'giocatori' della sua squadra, quella rossa. A guidare i blu, invece, Davide. Tempo a disposizione per il lavoro di squadra, due ore. Tra indicazioni di Barbieri, Klugmann e Cannavacciuolo (mentre Bastianich girava con la sua chitarra per il centro di Bologna), le due brigate sono riuscite a far uscire tutte le portate, tra critiche (numerose) e apprezzamenti (rari) dei bolognesi.

A tavolate servite, la squadra vincente perché più votato dai bolognesi a stomaco pieno, è risultata essere quella blu. I 'rossi' sono quindi finiti alle tre prove del Pressure Test, assieme alla ripescata Ludovica. Prima prova, abbinamento dei coltelli all'ingrediente adatto, con sei 'vittime' rinviate direttamente alla prova successiva e dedicata al taglio di vari ingredienti, a partire da un rombo (oltre che da qualche dito), patate, carote, cipolla ed erba cipollina. Promossi Marianna, Giovanna e Simone, rimandati alla terza prova invece Alberto, Tiziana ed Eri. Ad avere la peggio, dei tre, è stata Tiziana, seconda eliminata dalla settima edizione italiana di Masterchef.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X