Martedì, 16 Ottobre 2018

Nissan-Enel, energia gratis 2 anni per chi compra nuova Leaf

MILANO - Prezzi più contenuti, autonomia aumentata, niente ansia da ricarica e una rete infrastrutturale più capillare. Non solo: per superare i mille dubbi amletici che assalgono il cliente di fronte all'acquisto di un'auto elettrica, arriva un accordo che prevede per due anni una mobilità a zero emissioni completamente gratuita.

L'iniziativa promossa da Nissan ed Enel, annunciata nel corso del reveal italiano di nuova Leaf, prevede, per chi acquista la seconda generazione dell'elettrica giapponese, due anni di energia gratuita presso le ricariche pubbliche per viaggiare e costo zero. In pratica, l'energia arriva gratuitamente presso il proprio ambiente domestico o lavorativo tramite la wall box e l'installazione incluse nell'acquisto della nuova Leaf.

"La nostra visione di mobilità è a zero emissioni e zero incidenti fatali: la nuova Leaf è l'ambasciatrice di questa visione, grazie alla propulsione 100% elettrica e alle tecnologie intelligenti di supporto alla guida - ha detto il presidente e ad di Nissan Italia, Bruno Mattucci -. Da oggi, in virtù dell'accordo con Enel, la nuova Leaf diventa ancora più appetibile".

Insomma, la mobilità sta cambiando in maniera repentina e Nissan, con la seconda generazione di Leaf, vuole essere in prima linea. La 'parola d'ordine' è 'Nissan Intelligent Mobility', grazie alla quale il marchio nipponico ha deciso di puntare, per il futuro, su auto ad alimentazione alternativa (elettrificazione in primis), equipaggiata con sistemi di assistenza che aprono la strada alla guida autonoma e integrazione del veicolo alla rete (vehicle to grid) e alla propria abitazione (vehicle to home), per lo scambio di energia.

Nuova Leaf è la sintesi perfetta dei passi in avanti che si stanno compiendo nel campo della mobilità sostenibile. A partire dall'autonomia, un dato fondamentale per l'acquisto, anche a causa della scarsa capillarità della rete infrastrutturale. La versione realizzata sette anni dopo il primo modello, vanta un'autonomia di 378 km, a fronte dei 175 iniziali. Tutto grazie ad una nuova batteria da 40 KWh, che consente alla nuova Leaf di sviluppare una potenza di 150 cv e una coppia di 320 Nm.

Prestazioni migliorate a fronte di un prezzo che, rispetto al passato, è più contenuto: dai circa 38mila euro del 2010 ai 36.360 della nuova generazione. La tecnologia a bordo è un must con i sistemi di assistenza alla guida che troviamo sulle altre vetture della gamma, ma la vera chicca è che la nuova Leaf parte, si sposta e frena con un unico pedale, l'e-pedal, una scelta comoda e intuitiva.

I presupposti sembrano esserci davvero tutti per la seconda generazione di un'auto che, nonostante i limiti oggettivi dei primi anni, è riuscita a farsi apprezzare globalmente da 300mila clienti, risultando l'elettrica più venduta nel mondo. Solo per fare un esempio: negli ultimi due anni e mezzo, Leaf (prima generazione) è stata venduta in Italia in oltre 800 esemplari, 500 solo lo scorso anno, per un totale di 1.400 esemplari circolanti sulle strade del nostro Paese.

Ma, in vista, della molteplicità di novità che equipaggiano questa seconda generazione, le previsioni parlano, per il 2018, di 2.500 esemplari. Un target roseo, ma non impossibile da raggiungere, se si pensa che, entro il 2018, anche la rete sarà ampliata, con Enel che ha annunciato l'installazione di nuove colonnine, per un totale di 3.500, sparse in tutto il Paese (al momento sono solo 1.000).

In attesa del lancio a marzo, per far conoscere la nuova Leaf e le tecnologie 'Leaf to Home' e 'Vehicle-to-grid' per lo stoccaggio e per lo scambio di energia, il brand promuove il Nissan Intelligent Mobility Tour, che parte da Milano, per poi toccare le principali piazze italiane - Trento, Bologna, Firenze, Roma, Bari, Catania e Torino -, per dimostrare come l'auto 100% elettrica possa generare non solo una più ampia libertà di circolazione, ma anche una maggiore efficienza nei consumi e una migliore integrazione dei flussi energetici, con meno sprechi e più stabilità.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X