Lunedì, 15 Ottobre 2018
IL COMMENTO

Un’Isola a brandelli come la sua bandiera

di

Una Sicilia a brandelli. Ed è con questa bandiera con la Trìscele, esposta all’assessorato della Salute in piazza Ottavio Ziino a Palermo, che si concreta il passaggio di consegne del governo dell’Isola nelle mani del nuovo presidente della Regione. Brandelli che, per quell’atavica e comprensibile superba tensione identitaria siciliana, coinvolgono nel disinteresse anche la bandiera italiana. Par condicio, insomma.

La terra che fu di dèi, di miti e di gattopardi oggi si mostra spudoratamente così. Si offre in piazza a brandelli. Alzare la testa, al mattino e guardare la bandiera, per infiniti giorni non ha interessato a nessuno. Altro da fare. Cose serie? Cose serie…

I simboli sono importanti, lo sappiamo e ogni bandiera lo è. È seria. Ed è anche un annunzio, una presentazione: noi siamo… E così via con la dichiarazione di appartenenza. Un palazzo istituzionale, un plotone in sfilata, un atleta sul podio, dichiarano con la propria bandiera chi sono. E noi? Dico noi siciliani? Con questo, con questi vessilli degradati, offesi dall’incuria, dovremmo dire per pudore: nulla da dichiarare…?

In fondo il presidente Nello Musumeci è favorito dalla sorte. Accanto alla valanga di problemi che egli sa incombergli e dinanzi al solito quesito giornalistico e un po’ ragionieristico su che cosa farà nei suoi primi cento giorni di governo, potrà dire di sapere anche che cosa farà nel suo primo minuto: issare il simbolo nuovo e sempre antico di una bandiera – o più, non so – integra, come l’istituzione che rappresenta. In fondo sembra chiederlo lo stesso povero, sbrindellato vessillo: «Inizia da me che sono l’annunzio della Sicilia e conservami come monito, conservami per non dimenticare come fummo. E a che ci sei - sembra dire - ricorda a tutti che io sono la bandiera della Regione Siciliana. Perché? Eh, lo avrai notato, sono troppi, anche di casa nostra, a chiamarla Regione Sicilia, come se amministrativamente fosse nata con le altre, nel 1970. Noi abbiamo la nostra storia e il primo articolo del nostro Statuto ce lo dice: dal 1946 ci chiamiamo, senza equivoci, Regione Siciliana». Ripartiamo e proviamo a potere sentirne il vanto. E anche il vantaggio. aldosarullo@tiscali.it

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X