Mercoledì, 18 Ottobre 2017
IN BRASILE

Arrestato l'ex terrorista Battisti, cercava di fuggire in Bolivia

Cesare Battisti, Sicilia, Mondo
Cesare Battisti

SAN PAOLO.  L’ex terrorista Cesare Battisti è stato arrestato oggi a Corumbà, città nello stato di Mato Grosso do Sul alla frontiera tra Brasile e Bolivia.
Secondo il sito del quotidiano O Globo, le autorità brasiliane sono convinte che l’ex membro dei Proletari armati per il comunismo (Pac), condannato in Italia all’ergastolo per quattro omicidi, stesse cercando di fuggire in Bolivia.

L’italiano sarebbe stato fermato dalla polizia stradale federale durante un blitz in cui gli sarebbe stato contestato il tentativo di esportare illegalmente denaro all’estero.
Per il sito del quotidiano Folha de S.Paulo, Battisti aveva con sé una «modesta» quantità di denaro in contanti, includendo reais, dollari ed euro. Alcuni agenti avrebbero però dichiarato che in tutto erano in suo possesso circa 10 mila reais (poco meno di 3 mila euro).

La difesa dell’ex militante rosso, informata dei fatti, ha intanto già presentato ricorso alla Corte suprema brasiliana, per cercare di ottenerne la scarcerazione immediata.
Appena giovedì scorso gli stessi legali avevano avanzato una richiesta di 'habeas corpus' alla massima Corte per evitare una sua possibile estradizione in Italia.
L’iniziativa era stata presa in seguito alla divulgazione della notizia su O Globo di una richiesta «in via confidenziale», da parte del governo italiano a quello brasiliano, di riesaminare proprio la possibilità di estradarlo.

Battisti, 62 anni, è stato condannato in via definitiva in Italia all’ergastolo per quattro omicidi compiuti durante gli anni di piombo.  Il suo arresto avvenne nel 2007 a Rio de Janeiro, ma tre anni dopo l’ex presidente-operaio, Luiz Inacio Lula da Silva, respinse la richiesta di estradizione presentata da Roma e, come ultimo atto del suo mandato, il 31 dicembre 2010, concesse all’ex estremista di sinistra lo status di rifugiato politico.  Nel 2015, Battisti si è sposato con una brasiliana da cui ha avuto un figlio. Per i suoi avvocati, il minore «dipende economicamente ed affettivamente da lui, il che impedisce la sua espulsione» dal Brasile.  Finora - sottolineano molti osservatori - l’attuale presidente brasiliano, Michel Temer, ha sempre evitato di affrontare direttamente l’argomento Battisti, trattato negli anni con discrezione anche in ambito diplomatico.  Ma il presunto piano di fuga in Bolivia del rifugiato, oltre a riaccendere il dibattito anche in Italia, potrebbe costringere il capo di Stato a tornare sui suoi passi e ad accelerare una decisione in merito.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X