Lunedì, 23 Ottobre 2017

Arte al buio, è la Nottenera

Viaggi
© ANSA

SERRA DE' CONTI (ANCONA) - Dodici spettacoli teatrali per 22 repliche in una sola notte, con i protagonisti della drammaturgia contemporanea, sabato 19 agosto alla "Nottenera" di Serra De' Conti, il festival dei linguaggi creativi contemporanei che da 11 anni spegne l'illuminazione pubblica e accende la fantasia dal tramonto all'alba. Con minuscole lucine ad altezza polpaccio, disseminate tra vie e piazze, a rischiarate gli oltre 30 appuntamenti che animano il borgo medievale.
    Con la direzione artistica di Sabrina Maggiori, la kermesse propone quest'anno un tema, "Comunità", declinato in un ricco cartellone di arti visive, arti sceniche, musica e cinema, scienze e laboratori. Per il teatro, da segnalare le prime regionali de "Il nostro amore schifo", spettacolo rivelazione della compagnia Maniaci d'amore, del pluripremiato "Esilio" della Piccola Compagnia Dammacco sulla perdita del lavoro, e della narrazione con video-ologrammi "L'albero della Felicità" di Giacomo Aldes. Grande spazio ai debutti da residenze artistiche di artisti marchigiani delle aree terremotate; tra questi, il Teatro Rebis ne "Il papà di Dio" dall'irriverente fumetto di Maicol& Mirco, e Piero Massimo Macchini in "Fuori porta".
    Per le arti visive (110 eventi) artisti internazionali tra cui Elena Bellantoni con "Parole cunzate" esperienza di arte relazionale e il video "Maremoto", la street artist Gio Pistone con "Stretti-Quando non scegli", Leonardo Cemak con una grande archipittura mobile da titolo "Trasporto della Nottenera", e per la prima volta anche un sodalizio con il Festival internazionale della gift art, TheGifer, in collaborazione con il Museo del Cinema di Torino.
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X