Lunedì, 18 Dicembre 2017

Una tela di Pietro da Cortona 'svela' Sassoferrato inedito

Life Style
© ANSA

 La "Devota Bellezza", la mostra su Giovan Battista Salvi (1609-1685), detto il Sassoferrato, in corso fino al 5 novembre a Sassoferrato (Ancona) si arricchisce di una nuova opera: una tela di Pietro da Cortona, appartenuta un tempo a Federico Zeri. Salvi si sarebbe ispirato a questo quadro per uno dei suoi disegni concessi in prestito alla mostra dalla regina Elisabetta seconda. Il soggetto della tela, nella quale la Sacra Famiglia è raffigurata di notte, all'aperto, non è del tutto chiaro: alcuni studiosi sostengono che rappresenta un "Riposo durante la fuga in Egitto", come ipotizzava Zeri. Nel riprodurla, il Sassoferrato modifica però alcuni elementi all'apparenza secondari. Colloca infatti i personaggi in un interno, limitandosi a mostrare il paesaggio attraverso una finestra aperta alle spalle della Vergine, mentre il tavolo, che nel dipinto è coperto da una tovaglia sulla quale ci sono fiordalisi, gelsomini e margherite gialle, viene raffigurato come un altare ornato da simboli macabri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X