Mercoledì, 20 Settembre 2017
LONDRA

La terapia italiana per Charlie può funzionare, l'ospedale: "Tentiamo"

Sicilia, Mondo
La presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc

ROMA. Forse c'è un futuro per Charlie. Forse solo qualche settimana o qualche mese. Ma il conto alla rovescia per staccargli la spina si è fermato. Il protocollo sperimentale a cui ha lavorato un team internazionale coordinato dall'ospedale Bambin Gesù c'è, e "ci sono evidenze che potrebbe funzionare".

Il Great Ormond Street Hospital di Londra, dove è ricoverato il piccolo, se ne è convinto e si è rivolto all'Alta Corte per una nuova udienza "alla luce delle richieste relative a possibili altri trattamenti". Dopo i tentennamenti delle ultime ore, l'ospedale ha diffuso un comunicato di fronte al quale è difficile che l'Alta Corte risponda no. "E' giusto tentare", scrive il Great Ormond Street Hospital, dopo che "due ospedali internazionali e i loro ricercatori ci hanno comunicato nelle ultime 24 ore di avere nuovi dati a proposito del trattamento sperimentale da essi proposto".

Una decisione presa "assieme ai genitori" del bambino che, almeno, blocca la corsa all'interruzione del sostegno fornito dalle macchine che lo tengono in vita. I risultati della ricerca e la richiesta di poter somministrare il trattamento messo a punto, contenuti in una lettera su carta intestata dell'ospedale vaticano, sono stati inviati al nosocomio della capitale britannica.

Gli esperti propongono una terapia a base di deossinucleosidi, molecole simili ai "mattoni" del Dna. Nel documento dimostrano, sulla base di studi già comparsi su riviste scientifiche e di dati ancora non pubblicati, che queste molecole sono in grado di superare la barriera emato-encefalica, quella che separa i vasi sanguigni dal cervello, e quindi di avere effetto sull'encefalopatia che ha colpito il piccolo.

La svolta è arrivata al termine di una giornata convulsa in cui l'attenzione del mondo, tra speranze e paure, si è concentrata attorno al lettino di Charlie, a quegli occhi chiusi, ai peluche, twittati e ritwittati ossessivamente migliaia di volte. Un esorcismo collettivo della paura ma anche tanta solidarietà di fronte alla fede incrollabile dei genitori in una soluzione che possa consentire di guadagnare almeno un po' di tempo.

"Mio figlio non sta soffrendo", ha detto la mamma di Charlie, Connie, che ha lanciato un appello alla premier Theresa May perché "ci sostenga" e ha affermato che le probabilità di successo di una terapia sperimentale sarebbe attorno al 10%. Poco, in termini assoluti, anche perchè non è chiaro in che cosa, in quale 'qualità' di vita si tradurrebbe un eventuale buon esito della terapia.

Molto, anzi moltissimo, di fronte a una morte annunciata per decreto. In mattinata il NewYork-Presbiterian Hospital aveva fatto sapere di essere pronto a inviare a Londra una terapia sperimentale. Il tabloid britannico Sun si è spinto fino a citare una "fonte di alto livello in Vaticano", non confermata, secondo la quale la Santa Sede starebbe valutando la concessione di un passaporto vaticano per permettergli il ricovero in Italia.

Sarà invece di nuovo l'Alta Corte a dare indicazioni, come scrive nel suo comunicato, il Great Ormond Street Hospital. Ma comunque, dopo che gli inossidabili medici britannici hanno preso atto degli sforzi di alcuni per salvare Charlie, tutto sarà meno brutale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X