Giovedì, 21 Settembre 2017

Accordo Ceta svende made in Italy, migliaia a Montecitorio

Terra e Gusto
© ANSA

ROMA- Fermare il trattato di libero scambio con il Canada (Ceta) che legittima le imitazioni di tante eccellenze agroalimentari italiane, spalancando le porte all'invasione di grano duro e di carne a dazio zero. E' per questo che migliaia di allevatori, agricoltori, consumatori, sindacalisti, ambientalisti sono arrivati a Roma da tutta Italia per manifestare in piazza Montecitorio.

L'iniziativa è della Coldiretti, alleata questa volta con altre organizzazioni (Cgil, Arci, Adusbef, Movimento Consumatori, Legambiente, Greenpeace, Slow Food International, Federconsumatori, Acli Terra e Fair Watch), che chiedono di approfondire la questione in Parlamento prima di assumere una decisione di ratifica che porterebbe ad un'indiscriminata liberalizzazione e deregolamentazione degli scambi con una vera e propria svendita del Made in Italy.

Simbolo della giornata il maxipacco esposto in piazza, con le imitazioni delle specialità nazionali più prestigiose, dai formaggi ai salumi, realizzate in Canada che di fatto sarà legittimato a produrre e vendere ai consumatori di tutto il mondo. Spiegano bene la situazione i tanti cartelli che si leggono in piazza tra i gonfaloni dei Comuni che hanno aderito alla mobilitazione: 'No alla Fontina Made in Canada', 'Non svendiamo i nostri marchi storici', 'Il Parmesan canadese umilia l'Italia', 'Il prosciutto di Parma si fa solo in Italia', '#stopCETA per salvare il made in Italy'.

"Penso che dobbiamo guardare all'accordo commerciale con il Canada come ad un punto di partenza, come un'opportunità", così il ministro per le politiche agricole Maurizio Martina sul Ceta. "E' giusto discuterne, alzare l'attenzione, monitorare la situazione, affrontare tutti i nodi che possono emergere - ha aggiunto -, ma quello che penso è che noi abbiamo bisogno di buoni accordi, che ci aiutino a difendere meglio le nostre produzioni di qualità in quei mercati e che garantiscano una partnership non solo commerciale, ma appunto di relazioni più solide, anche tra Europa e Canada. Vedo nel Ceta la possibilità di iniziare a fare un lavoro serio di maggiore tutela delle nostre produzioni in quei mercati. Oggi le nostre produzioni in quei mercati non hanno protezione. Domani, con gli strumenti che l'accordo prevede, le protezioni a tutela delle nostre qualità saranno superiori e quindi penso che sia un passo necessario, va discusso, però sono per guardare alla possibilità che si apre con questi accordi".

"Siamo qui alla manifestazione promossa dalla Coldiretti per salvaguardare ciò che abbiamo conquistato negli anni per le imprese, per le produzioni d'eccellenza agroalimentari e per i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori - ha detto Susanna Camusso, segretario generale Cgil -. Chiediamo a tutti i nostri parlamentari di capire meglio e quello che comporta, e non avere fretta ad approvare questo trattato. Leggete e interpretate meglio le ragioni per le quali siamo qui".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X