Martedì, 22 Agosto 2017

Maurizio Galante firma costumi del Don Giovanni

Il couturier Maurizio Galante ha firmato i costumi dell'ultima opera della trilogia Mozart e Da Ponte: il Don Giovanni, spettacolo con la regia di Giorgio Ferrara che ha aperto il 60/o Festival di Spoleto. Non è la prima volta che Galante, designer italiano che vive e lavora da 25 anni a Parigi, si cimenta con il teatro. Dopo le Nozze di Figaro (sempre con la regia di Ferrara) della scorsa edizione di Spoleto e Danza Macabra con la regia di Luca Ronconi dell'anno precedente Galante firma ora i costumi di una delle più simboliche opere liriche.

Attraverso i costumi, Galante interpreta i caratteri dei personaggi, enfatizza le situazioni che li coinvolgono nel corso dell'opera. Gli elementi attorno ai quali ruota la creazione dei costumi sono i volumi, le lavorazioni e l'uso del colore.

Costruzioni e forme sono rigorosamente settecenteschi e trasportano in un mondo dove i gesti sono linguaggi codificati dalla società e l'abito diventa strumento di comunicazione.

Ma quello di Galante è un Settecento immaginato, reinterpretato con occhi moderni. La silhouette tradizionale settecentesca è realizzata con sovrapposizioni e costruzioni sartoriali che da sempre caratterizzano lo stile di Galante: costruzioni di architetture fatte da forme apparentemente semplici, risultato di un attento lavoro di costruzione del tessuto. Le lavorazioni certosine e artigianali rendono i costumi sculture in tessuto dove sovrapposizioni dei pizzi e decori impreziosiscono pregiate organze di seta, lussuosi ottomani, tarlatane, musseline, broccati e duchesse. Ma il racconto è affidato al colore: tutti i personaggi indossano costumi monocromatici e la scelta di quella tonalità ha il compito di comunicare emozioni e stati d'animo del personaggio.

Don Giovanni con le sue vesti rosse svela i segreti della seduzione, il complesso piacere del conquistare. Donna Elvira con glicine e lilla racconta la delicatezza d'animo del suo personaggio. Il colore inoltre comunica lo status sociale, è appannaggio delle classi ricche, le uniche a potersi permettere pigmenti pregiati e costosissimi.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook