Sicilia, In Sicilia così
Una protesta delle scorse settimane
REGIONE

Asu sospesi, tremano i seimila precari. La Regione: serve piano per stabilizzarli

di

PALERMO. Una grana rischia di abbattersi sui circa seimila Asu siciliani, precari che si occupano di attività socialmente utili presso Comuni, Asp e siti culturali. Una parte di loro che è pagata dal ministero del Lavoro è stata sospesa perché la convenzione con la Regione è scaduta (Leggi il provvedimento.

In sostanza dal ministero non arriveranno più fondi e la Regione non ha risorse per anticiparli. Inizialmente i sindacati avevano parlato di circa duemila unità interessate ma secondo l’assessorato al Lavoro si tratta di 254 lavoratori sospesi al momento a tempo indeterminato.

Il motivo sarebbe legato alla necessità di prevedere un percorso di stabilizzazione per questi precari, così come è stato fatto per i contrattisti dei Comuni, per poter garantire il pagamento delle indennità che si aggirano sui 600 euro al mese. E' un orientamento ormai diffuso questo: senza piano di stabilizzazione, niente proroga ai contratti. Tanto che il diktat, che arriverebbe direttamente dalla Corte dei Conti e che al momento interessa solo i precari pagati dal fondo ministeriale, ben presto potrebbe riguardare anche gli altri a carico della Regione.

Questi in teoria non rischiano la sospensione perché le risorse sono disponibili, ma il governo regionale dovrà ben presto chiarire se e come intende stabilizzare questo bacino. A riguardo è già iniziato un confronto col governo nazionale e con l’Inps ma al momento non sono state individuate soluzioni.

Ciò che invece sta accadendo in varie parti dell'Isola è la sospensione di centinaia di precari. L’accordo tra Regione e ministero è scaduto il 31 dicembre scorso e non è stato rinnovato. Così la dirigente generale Maria Antonietta Bullara ha sospeso i precari a carico del ministero in attesa del rinnovo dell'accordo, non avendo la Regione le risorse da anticipare. E a cascata i vari enti dove sono impiegati questi Asu hanno comunicato la sospensione.

A lanciare l'allarme è la Uiltemp Palermo guidata da Danilo Borrelli che ha chiesto un incontro urgente: "Siamo preoccupati per i disagi causati dalla sospensione dei lavoratori - dice Borrelli - e dai disservizi che potranno interessare i cittadini".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati