Mercoledì, 16 Agosto 2017
LO STUDIO

"Fare lo scout da piccolo aiuta a combattere l'ansia da grandi"

LONDRA. E se lo dice la scienza, c'è da crederci: fare lo scout da bambino, aiuta a combattere l'ansia quando si è grandi.

L'esperienza in divisa e fazzoletto, infatti, pare che sia un vero e proprio toccasana per il benessere mentale una volta raggiunta l'età adulta. A dimostrare tale teoria è uno studio condotto da esperti scozzesi dell’università di Edimburgo e Glasgow e pubblicato su Journal of Epidemiology and Community Health.

Chi ha fatto lo scout lo sa bene: è un'attività che promuove la vita all’aria aperta, il gioco, il movimento.

Risalendo alle origini dello scoutismo, altro non è che un metodo educativo fondato in Inghilterra nel 1907 dal Lord Robert Baden-Powell.

Oggi è stato dimostrato che le notti in tenda e le avventure in montagna possono avere un impatto benefico sulla salute mentale, se analizzato a distanza di decenni.

Per dimostrare questa teoria, lo studio ha analizzato la storia, di salute e personale, di circa 10 mila persone. Si è arrivati alla conclusione che coloro che avevano fatto gli scout, a 50 anni avevano il 18 per cento di probabilità in meno di avere un punteggio di MHI-5 - Mental Health Index - indicativo in caso di disordini di ansia e dell’umore.

Un buon risultato rispetto a chi lo scout non l'ha fatto.

Lo scoutismo inoltre tende a ridurre le disuguaglianze in termini di salute mentale. Aiuta anche a costruire un’idea positiva di sé, favorendo l'autostima.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook