aids, Sicilia, Sicilia, Cronache della Salute
PROGETTO PILOTA

Aids, casi in lieve aumento in Sicilia: al via i nuovi test gratuiti a Palermo e in provincia

PALERMO. Se in Italia le nuove infezioni da virus Hiv registrano una lieve diminuzione, lo stesso non sembra per la Sicilia, dove si assiste a un leggero aumento, con esiti diversi nelle varie province.

È quanto emerso durante il convegno «Cosa resta da fare?» organizzato da Intesa Universitaria insieme ad Anlaids e Arcigay a Palermo, nella ex facoltà di Farmacia, in occasione della Giornata mondiale di lotta all'Aids, proprio quando in 2800 farmacie italiane è disponibile il primo kit per eseguire il test di autodiagnosi del virus.

«In Italia il numero di nuove infezioni registrato negli ultimi cinque anni è stato intorno a 4mila l'anno - spiega Tullio Prestileo, presidente Anlaids Sicilia e infettivologo all'ospedale Civico di Palermo - da questa media si è passati a 3670 casi nel 2014 e 3444 nel 2015.

In Sicilia, per quanto riguarda la sola realtà dell'ospedale Civico di Palermo, abbiamo registrato un incremento: nell'ultimo triennio, infatti, abbiamo registrato circa 40 casi nel 2014, 43 casi nel 2015 e siamo già a 43 casi registrati al 30 novembre di quest'anno».

Due i principali identikit dei soggetti colpiti: «Tra gli italiani sono soprattutto i maschi omosessuali che hanno tra i 25 e i 40 anni - aggiunge Prestileo - per quanto riguarda invece la popolazione straniera le più colpite sono soprattutto le giovanissime africane, donne di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Dai casi registrati fino allo scorso anno notiamo inoltre una maggiore prevalenza di infezioni nella popolazione Lgbt nell'area di Catania e Siracusa.

L'area della Sicilia occidentale, cioè Palermo, Trapani e Agrigento appare più improntata all'Hiv tra gli stranieri perchè tradizionalmente se ne vedono di più, però finora i tassi di incidenza non superano l'1%. Va detto che la terapia antiretrovirale e la disponibilità dei farmaci nei paesi poveri ha rivoluzionato gli esiti della malattia».

Tra i relatori è intervenuta anche Silvana Bonanno, farmacista ospedaliera Arnas ospedale Civico: «Il test ematico di autodiagnosi può servire a fare emergere il sommerso e vincere la paura, ma occorre mettere al centro la persona».

Da qui l'idea di lanciare un progetto pilota con Anlaids, spiega Prestileo, critico sul kit in vendita nelle farmacie: «Mi sembra un'operazione commerciale, inoltre una diagnosi di positività al virus può essere devastante per una persona sola che lo scopre a casa - dice - occorre un accurato counselling psicologico, per questo puntiamo a un progetto diverso: un test rapido e salivare da fare gratuitamente in farmacia, con un alto livello di privacy e fiducia. Stiamo puntando a una formazione mirata di alcuni farmacisti tra Palermo e provincia, speriamo di partire entro un mese».

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati