Dal "Madame President", all'insulto "Scimmia coi tacchi": gli ultimi giorni di Michelle alla Casa Bianca

Enlarge Dislarge
1 / 20
epa05584050 First Lady of the United States Michelle Obama addresses a crowd during a campaign stop at Southern New Hampshire Univeristy for Democratic Party presidential candidate Hillary Clinton, in Manchester, New Hampshire, USA, 13 October 2016. EPA/CJ GUNTHER
epa05584050 First Lady of the United States Michelle Obama addresses a crowd during a campaign stop at Southern New Hampshire Univeristy for Democratic Party presidential candidate Hillary Clinton, in Manchester, New Hampshire, USA, 13 October 2016.  EPA/CJ GUNTHER

NEW YORK. Michelle Obama si prepara al passaggio di consegne a Melania Trump come firs lady. Riflettori puntati anche sul suo addio alla Casa Bianca dunque.

Nei giorni scorsi ha liquidat0 con una sonora risata il 'Madame President' con la quale viene chiamata nel corso di un incontro delle forze armate alla Casa Bianca.

Mentre prendeva la parola dal pubblico si e' alzata una voce: ''Madame Presidente''. E Michelle e' scoppiata a ridere. ''State buoni li' dietro'' ha poi detto con un grande sorriso. La First Lady ha stregato gli elettori americani, con molti fra le fila dei democratici che ne chiedevano la discesa in politica.

Ma Michelle è stata al centro (suo malgrado) anche di una polemica. "Una scimmia con i tacchi". E' scoppiata la bufera in West Virginia dopo un post su Facebook contro di lei per mano della direttrice di una non profit locale che si occupa di assistenza agli anziani, assecondato dal sindaco di una cittadina dove non esistono residenti afro-americani e dove la maggior parte degli elettori ha votato per Donald Trump.

Il commento era riferito al prossimo passaggio di consegne tra Michelle Obama e Melania Trump come First Lady. "Ci sara' una ventata di aria fresca - ha scritto Pamela Ramsey Taylor - ora che una First Lady di classe, bella e dignitosa tornerà alla Casa Bianca. Sono stanca di vedere una scimmia con i tacchi".

La sindaca della cittadina di Clay in West Virginia si è poi dimessa.

© Riproduzione riservata