commissione rifiuti, raccolta differenziata, rifiuti in sicilia, Vania Contrafatto, Sicilia, In Sicilia così
L'assessore regionale all'Energia, Vania Contraffatto
LA RELAZIONE

Caos rifiuti in Sicilia: l'allarme della commissione del Senato

PALERMO. "La situazione attuale della gestione dei rifiuti in Sicilia, fatta di continue emergenze, risente pesantemente di scelte scellerate effettuate dal 2002 in poi". È la fotografia della situazione dei rifiuti nell'Isola fatta nella relazione della commissione parlamentare di inchiesta, presentata oggi allo Steri di Palermo, sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e agli illeciti ambientali correlati.

E ancora: "Da una parte la previsione di costruire 4 mega inceneritori ha compromesso lo sviluppo della raccolta differenziata, e dall'altra la costituzione dei 27 Ato ha esautorato i Comuni dalle proprie competenze, provocando una gravissima crisi finanziaria conseguente a una non trasparente gestione di queste società che sono state uno strumento in mano alla politica per il controllo del consenso. Questa pesante eredità non è stata superata dall'attuale presidente della Regione".

"Le illegalità continuano a trovare terreno fertile perché le competenze regionali, ossia la programmazione e il controllo, sono state utilizzate in maniera a dir poco inefficace - continua la relazione - poco importa se tale programmazione per diversi lustri sia stata di competenza nazionale, poiché la figura del commissario è coincisa con quella di vari presidenti della Regione siciliana. I poteri derogatori, applicati prima con le ordinanze del governo, poi con quelle di somma urgenza del presidente della Regione, non hanno raggiunto i risultati previsti, nonostante il loro utilizzo. Strumenti inefficaci e controproducenti che hanno generato, con le deroghe alle leggi ordinarie e alle disposizioni comunitarie, solo nuove sacche di opportunità agli illeciti".

"Sul mancato aggiornamento del piano regionale dei rifiuti è in corso una indagine da parte della procura di Palermo - si legge ancora nella relazione della commissione parlamentare di inchiesta - a tale mancanza di programmazione corrisponde un approccio costantemente basato sull'emergenza, la contingenza e l'approssimazione. I provvedimenti derogatori escludono dai momenti decisionali o comprimono la capacità di partecipare di enti locali, dell'assemblea regionale siciliana, delle società d'ambito e degli stessi cittadini".

"In diversi casi le nomine in posti cruciali, decisionali e di controllo, come dimostrato da alcune inchieste, sono state effettuate senza tenere in alcun conto le competenze e le professionalità sulla base di logiche evidentemente estranee al buon andamento della pubblica amministrazione. Prima ancora che l'ambiente - conclude la relazione - a essere inquinato è l'intero sistema di gestione dei rifiuti nella regione, come confermato da importanti indagini giudiziarie per corruzione effettuate dalla procura della Repubblica di Palermo. Il quadro di corruttela venuto alla luce è caratterizzato da estremi di devastante gravità, avendo fatto emergere tutte le patologie di una impropria interazione tra funzionari pubblici e imprese private".

Non si è fatta attendere la replica dell'assessore regionale all'Energia, Vania Contraffatto: "La situazione fotografata dalla commissione non è la stessa che caratterizza la Sicilia in questo momento. Si sono fatti dei grossi passi avanti, continuano le criticità sui luoghi di smaltimento dei rifiuti però c'è un sensibile incremento, rispetto a inizio anno, della raccolta differenziata. Tutte le procedure che stiamo mettendo in campo per implementare gli impianti vanno avanti. In questi anni è mancata la pianificazione, e nella gestione dei rifiuti si è passati da una emergenza all'altra, con la conseguenza che viviamo in una regione in cui la raccolta differenziata dei rifiuti era più uno stato d'animo".

"Sono anche state superate le criticità relative al mancato completamento del piano regionale dei rifiuti - ha proseguito l'assessore - adesso non vi è più l'abbancamento in discarica ma la valorizzazione del rifiuto, e non nel senso di un ritorno alla termovalorizzazione dell'epoca Cuffaro, ma tramite la formazione di biogas, ad esempio. Il punto di grande novità del piano rifiuti è l'abbandono del concetto di discarica, in Sicilia utilizziamo residui di discariche precedentemente autorizzate e per la data fatidica del 2023, come stabilito dal regolamento europeo, contiamo di essere nelle condizioni di non utilizzarle più. Nell'ultimo anno, con grande difficoltà, si è andati verso una gestione dell'ordinario, ecco perché in alcuni momenti situazioni di particolare criticità sono state contenute nell'arco di un week end, non ci sono più situazioni che si trascinano in maniera cronica come in passato".

E sull'allarme infiltrazioni mafiose Contraffatto ha aggiunto: "Si tratta di una realtà che sta al settore rifiuti come a quello di qualunque altra azienda. Viviamo comunque in una regione in cui tanto fa la magistratura per mettere all'angolo la criminalità organizzata e i successi sono sotto gli occhi di tutti".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati