Dagli Obama alla festa di Heidi Klum, tutto il mondo è pazzo per Halloween

Enlarge Dislarge
1 / 17
Barack Obama e la first lady Michelle accolgono i bimbi per il classico “dolcetto o scherzetto“
Barack Obama e la first lady Michelle accolgono i bimbi per il classico “dolcetto o scherzetto“

ROMA. E' stata la notte di Halloween in tutti i paesi del mondo. Dall'America, patria della festa horror, all'Europa e fino all'Asia, sono numerose le città che hanno visto un'invasione di di zombie, zucche e travestimenti da paura.

Dalla Germania al castello di Dracula in Romania, dal Giappone fino alla festa annuale organizza da Heidi Klum a New York. E anche la famiglia Obama non è stata da meno. Il presidente uscente degli Stati Uniti e la first lady Michelle infatti hanno accolto i bambini con la classica domanda di Halloween: "Dolcetto o scherzetto?".

E tra le follie nordamericane più strane c'è quella che ha visto protagoniste le auto, e cioè quella della loro distruzione facendo cadere dall'alto delle maxi zucche. Anche quest'anno sono stati numerosi gli spettacoli che hanno visto piombare delle cucurbitacee giganti su vecchie macchine per spiaccicarle tra l'ilarità della gente.

Alcune di queste manifestazioni hanno anche scopi benefici e tramite la raccolta fondi effettuata tra gli spettatori permettono di racimolare persino somme di un certo rilievo, da destinare a cause importanti per le comunità coinvolte.

Tra le tante iniziative del genere, spicca per il peso record del frutto arancione il lancio organizzato lo scorso 8 ottobre in Canada, a Calgari. Qui, una zucca di 474 kg ha sfondato una vecchia berlina, una Pontiac Grand Am, piombando dalla cima di una gru alta 37 metri. L'evento, appuntamento ormai annuale per la cittadina che nella passata edizione ha permesso di raccogliere oltre 36.000 euro, quest'anno era destinato alla beneficienza per l'Alberta Children's Hospital Foundation.

Nella gallery che pubblichiamo ecco i migliori scatti dei festeggiamenti della notte del 31 ottobre che si sono tenuti in giro per il mondo.

© Riproduzione riservata

TAG: