bando, enti, formazione, LAVORO, regione, Sicilia, Economia
REGIONE

Pioggia di ricorsi sulla Formazione, piano per salvare gli esclusi

di
L'assessore Marziano ha rassicurato la commissione Lavoro all'Ars sulla salvaguardia dei posti di lavoro

PALERMO. Una pioggia di ricorsi sta per abbattersi sul piano di finanziamento dei corsi di formazione. Il Forma, l’associazione che raggruppa il maggior numero di enti del settore, è pronto a presentare più di una opposizione. La prima avrà la forma del ricorso gerarchico al presidente della Regione. Immediatamente dopo il Forma, che mette insieme una ventina di sigle storiche, si appellerà al Tar chiedendo non l’annullamento della graduatoria che assegna i 136 milioni ai 212 progetti presentati da un centinaio di enti ma il bando originario pubblicato alla vigilia dell’estate.

Il Forma è la sigla che mette insieme i principali enti rimasti esclusi dalla graduatoria (Anfe ed Unci in primis). Mentre l’altra associazione maggiormente rappresentativa, il Cenfop, ha criticato la graduatoria ma si mostra più cauta sull’opposizione. Il Cenfop chiede innanzitutto un incontro con l’assessore Bruno Marziano: «Le problematiche emerse determinano criticità così rilevanti, per tutte le parti interessate, che obbligano il governo a intervenire nella ricerca di soluzioni dirimenti (vedi, in particolare l’imprevista e impensabile, esclusione per mancata attribuzione delle risorse finanziarie a enti che hanno in organico la gran parte del personale dipendente del settore)».

Il timore generale è che, come accaduto alla vigilia dell’estate, un ricorso (se accolto) possa bloccare o sospendere lo svolgimento dei corsi. Per questo motivo oggi in commissione Lavoro all’Ars, durante un’aduzione, Marziano ha provato a rassicurare tutti gli enti esclusi: «Se presenteranno opposizioni alla graduatoria in via amministrativa, e se dimostreranno che ci sono stati errori, possiamo apportare delle modifiche».

Marziano ha anche fatto capire che si può aumentare il budget al settore, cercando così di recuperare gli enti esclusi. L’assessore ha anche parlato di un possibile «bando a sportello» per recuperare gli enti storici rimasti esclusi, fermo restando la graduatoria già pubblicata degli enti che hanno ottenuto il finanziamento per l'avvio dei corsi. L’obiettivo è salvare la graduatoria e contemporaneamente gli enti storici (con i loro duemila dipendenti che ora rischiano il posto). Marziano ha rassicurato la commissione Lavoro sulla salvaguardia dei posti, sottolineando che in parte saranno assorbiti dagli enti che hanno ottenuto il finanziamento dei corsi, in parte il personale dovrebbe fuoriuscire in base al piano sui prepensionamenti al vaglio delle valutazioni ministeriali. E il resto sarà comunque tutelato, probabilmente attraverso la costruzione di un nuovo bando a sportello (in cui cioè i finanziamenti vengono concessi in base alla presentazione cronologica delle domande).

Restano le polemiche politiche. Forza Italia, con Vincenzo Figuccia, ha chiesto «il ritiro in autotutela della graduatoria per prevenire ricorsi che penalizzerebbero tutto il sistema». Mentre Ncd, alleato del Pd in giunta, minaccia perfino la crisi di governo: «Togliamo il nostro sostegno alla maggioranza se non ci saranno garanzie di risoluzione per alcuni dei temi importanti che attanagliano la Sicilia a cominciare dalla formazione professionale» hanno detto i deputati di Ncd. «Non si può continuare a andare da emergenza in emergenza – ha spiegato il capogruppo, Nino D’Asero – E, in ogni caso, noi non possiamo esser complici di malapolitica che ricada sulle teste dei siciliani. Quindi, sin da questa seduta e fino a quando non sarà fatta chiarezza sulla politica del lavoro e della formazione, non sarà più possibile per la maggioranza contare sul nostro appoggio». Il riferimento di Ncd è anche alle difficoltà mostrata dalla maggioranza oggi all’Ars nell’approvare l’assestamento di bilancio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati