Kim Kardashian, spuntano alcuni dubbi sulla rapina in hotel - Foto

Enlarge Dislarge
1 / 12
Fonte Instagram
Fonte Instagram

PARIGI. Kim Kardashian è stata davvero derubata dei suoi gioielli a Parigi o è solo una finzione? E se non fosse vero, perché questa messa in scena: una trovata pubblicitaria o un modo per racimolare i soldi dell'assicurazione? Sono questi i dubbi che circolano sulla rete in queste ore.

Appare innanzitutto strano il fatto che la bella diva dei social abbia aperto di notte a degli sconosciuti, così pure che si trovasse distante dal suo bodyguard.

I fatti risalgono al 3 ottobre scorso quando il portavoce di Kim Kardashian racconta che la star americana è rimasta vittima di un sequestro a mano armata nella sua stanza d'albergo a Parigi, ad opera di due uomini camuffati in abiti da agente di polizia.

Kim Kardashian sarebbe stata legata e rinchiusa nel bagno della sua stanza d'hotel, mentre gli uomini armati che hanno fatto irruzione le rubavano due telefoni cellulari e parecchi gioielli.

Cinque uomini armati avrebbero fatto irruzione nell'hotel Particulier dell'8/o arrondissement di Parigi, la residenza della Kardashian. Avrebbero minacciato, armi in pugno, la guardia notturna e si sono fatti aprire la porta della stanza della star americana. Il valore della refurtiva sarebbe stato calcolato in diversi milioni di euro.

Ad ogni modo sull'accaduto, la brigata criminale della Police Nationale indaga nell'entourage dell'attrice e tra il personale del riservatissimo hotel di lusso di Rue Tronchet per trovare eventuali complici che potrebbero aver spifferato ai cinque rapinatori mascherati gli spostamenti esatti dell'americana in trasferta a Parigi per la fashion week.

Intanto, Pascal Duvier, il fidato bodyguard tedesco della star  ha lanciato un duro avvertimento agli aggressori. «Siete caduti sulla persona sbagliata», avverte il colosso di 119 kg per 1 metro e 93, promettendo di «stanare i responsabili» del colpo da 10 milioni di euro.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

PERSONE: