Asti, maltrattamento minori, Sicilia, Cronaca
AD ASTI

Colpi di bastoni e minacce contro bimba: arrestati il padre e la moglie

Le indagini erano partite da una segnalazione della scuola che frequentava la piccola, dove avevano notato i lividi sulle braccia della bambina. "Sara" è stata affidata a una comunità protetta

ASTI.  Botte con pugni, bastoni e altri oggetti contundenti, continue minacce di morte e denigrazioni: è l'incubo vissuto da una bimba di 10 anni di un paese Astigiano, ridotta dalla sua stessa famiglia a una Cenerentola, tanto da farle insorgere lievi disturbi mentali.

Al suo calvario hanno messo fine i Carabinieri che hanno arrestato il padre di 44 anni e la moglie di lui di 34 anni, entrambi macedoni. Ma i maltrattamenti continui e immotivati contro la piccola, erano commessi non soltanto dai due adulti, ma anche dalla figlia della nuova moglie del padre, una bambina anche lei, di 11 anni.

Il provvedimento cautelare è scattato in seguito a una articolata attività d'indagine, che ha permesso di documentare le violenze subite dalla bambina dal maggio scorso ai giorni scorsi.

Intercettazioni e video - rimarcano gli investigatori - hanno immortalato «prove inconfutabili» delle violenze che venivano esercitate in quella che è stata definita «la casa degli orrori» dal capitano Lorenzo Repetto che ha condotto le indagini.

La piccola Sara (nome di fantasia) viveva come nella favola di Cenerentola, così come è stata battezzata l'operazione condotta dai Carabinieri. Erano all'ordine del giorno frasi rivolte alla piccola, come «che quel cibo possa essere veleno per te», «stupida orfana», «ti carico in macchina e ti butto come immondizia» o «ti porto in montagna e ti faccio mangiare da lupi e cinghiali». E poi giù botte.

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Asti, Donatella Masia, erano partite da una segnalazione della scuola che frequentava la piccola Sara dove avevano notato i lividi sulle braccia della bambina.  Per i due, lui in carcere a Quarto d'Asti e lei a Torino, gli arresti sono già stati convalidati dal gip Marco Dovesi. Le accuse sono di maltrattamenti in famiglia aggravati e lesioni personali.

Le due bambine sono state affidate a una comunità protetta.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati