Grillo: "Sulle Olimpiadi ha deciso la Raggi. Ci sarò fino alle elezioni, per vincerle" - Video

PALERMO. "Sulle Olimpiadi ha deciso Raggi. Mettevi bene in testa questo: abbiamo avuto un po' di impreparazione, è una città complicata. Torino va benissimo ma fa 900mila abitanti. Un po' di assestamento ci vuole, adesso ci stiamo assestando, si stanno assestando ma le decisioni le prende la signora. Lei è in grado di prendere qualsiasi decisione". Così Beppe Grillo smentisce qualsiasi tipo di diktat sul NO della sindaca di Roma Virginia Raggi ai Giochi a Roma e replica ai giudizi di Matteo Renzi.

"Le Olimpiadi a Roma ci sono già, le faremo noi. C'è il salto in lungo della voragine del pensionato Antonello che fa 8,02 con il vento contrario, c'è il pattinaggio artistico sul guano, c'è l'attraversamento in stile farfalla del sottopassaggio allagato". Così Beppe Grillo risponde ai cronisti che gli chiedono del No alle Olimpiadi a Roma.

"Bisogna tornare a quella visione, alla visione di quello che era il Movimento, che è come vogliamo vivere tra dieci anni".  E ancora: "Se cambio il Direttorio? "Il Direttorio è una parola che avete inventato voi, sono 5 persone che io e Casaleggio assieme alla Rete avevamo scelto perché il Movimento stava diventando enorme". Se ci saranno promozioni dal palco? "No, né promozioni né delazioni", sottolinea Grillo.

Rivalità nel Direttorio? "Forse sì, ma è normale, del resto la tv è immagine, c'è quello che funziona di più o quello che funziona meno". I parlamentari "li ho visti un po' stanchi, ma è normale", aggiunge ma a chi gli chiede se li abbia visti affascinati dal potere replica: "Quello no"

Il passo di lato? "No, il Movimento sappia che ci sono a tempo pieno. Non posso più con il passo di lato. Io voglio stare con il Movimento fino alle elezioni e vincerle".

Video di Marcella Chirchio

© Riproduzione riservata

TAG: ,

Correlati