danza orientale, Sicilia, Vita
Ornella Polizzi, insegnante di Alcamo e ideatrice del progetto «Danza orientale come Terapia»
LA DISCIPLINA

Guarire da stress e dolori, la danza orientale come terapia: il progetto da Alcamo

di

PALERMO. C'è chi si è liberata delle vertigini causate dalle ernie cervicali e chi ha acquisito una maggiore autostima e un notevole rilassamento muscolare, c'è chi ha imparato a correggere la propria postura e chi è riuscita persino ad eliminare gli antidolorifici e ad alzarsi dopo lunghi mesi trascorsi a letto.

A un anno di distanza dall'avvio del progetto – tutto siciliano - che ha trasformato la Danza orientale in una vera e propria Terapia, sono numerose e tutte positive le testimonianze di coloro che hanno partecipato ad esso, migliorando di fatto la propria qualità di vita.

Protagonista del felice traguardo è Ornella Polizzi, insegnante alcamese (diplomata Midas e CMT), danzamovimento terapeuta in formazione e direttore artistico della «Shamaris Academy asd» di Alcamo. Quello realizzato è un «percorso formativo, ideato con la partecipazione di docenti e terapeuti (i dottori Benedetto Pito, Maria Pipitone, Maria Giusy Craparotta e Vincenzo Pezzano) che nasce dalla volontà di mettere al servizio delle mie allieve ciò che ho sperimentato per prima su me stessa – spiega l'esperta – Grazie alla pratica costante della danza orientale, infatti, ho potuto godere di enormi benefici che mi hanno portato a considerare questa disciplina come uno strumento di benessere sempre più efficace».

«Dopo le lezioni mi sento libera, finalmente fuori dalla mia gabbia», scrive Mariella Verdirame. «Ho imparato a respirare e a correggere la mia postura – aggiunge Letizia Marrone - Adesso sento la schiena più sciolta e meno stress». Analoga sensazione per Giovanna Minniti che afferma: «Mi sono sentita coinvolta nel gruppo e divertita. Dopo le lezioni, ho sentito meno ansia e meno dolori fisici».

«Dopo lunghi mesi trascorsi a letto adesso riesco a muovermi con disinvoltura e non prendo più farmaci», dichiara Angela Mangiapane. È grazie a queste e a tante altre testimonianze raccolte dall’insegnante durante i corsi tenuti ad Alcamo e Salemi che il progetto si è diffuso anche in altre scuole del territorio rendendo l’Accademia Shamaris il precursore di tale orientamento.

Ma come funziona il percorso? «Si parte dalla respirazione e dal rilassamento corporeo per poi procedere con tecniche di ricanalizzzione delle energie corporee bloccate e che hanno lo scopo di migliorare la qualità del proprio movimento – spiega l'insegnante - I movimenti sinuosi derivano dalla tecnica più antica della Danza del Ventre. Si continua con il movimento creativo guidato dall’insegnante e si finisce con gli esercizi che mirano allo sprigionamento dell’energia femminile».

Ma quello della Danza Terapia non è l'unico dei progetti messi in atto da Ornella Polizzi. Ad ottobre, infatti, l'Accademia aprirà le porte per le prime audizioni per il Corpo di Ballo professionale diretto dall’insegnante e codiretto dal Maestro Mahdy Emara. La giuria sarà composta da insegnanti siciliani tra cui Alessia Di Cara, Alessandra Romano, Stefania Rao e Simona Di Dio che terrano un workshop durante l'anno.

Il progetto, che coinvolge le città di Alcamo, Salemi e Marsala, è «cofinanziato da associazioni ed enti siciliani che credono nell’importanza di dare spazio ai giovani e permettere loro di realizzare i propri sogni».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati