fertility day, Sicilia, Società
LA CAMPAGNA

"Fertility day", è di nuovo bufera: foto "razziste" e opuscolo ritirato

ROMA. È di nuovo bufera sul Fertility Day, la giornata nazionale dedicata alla salute riproduttiva proclamata per oggi in Italia. In quattro città - Roma, Bologna, Padova e Catania - si terranno eventi e tavole rotonde, a cui prenderanno parte i principali esperti in materia, per discutere e informare su come prevenire e curare l'infertilità.

Questa volta al centro della polemica c'è un presunto messaggio razzista nella copertina di uno degli otto opuscoli per il Fertility Day. In quello dedicato agli stili di vita si vedono due aree con due immagini diverse: per le buoni abitudini da promuovere campeggiamo immagini di ragazzi bianchi e sorridenti. Nella seconda sui «cattivi compagni» compare invece l'immagine di alcuni ragazzi di colore e con capigliatura 'rasta".

Molte le reazioni sui social da Twitter a Facebook, come ad agosto per la precedente campagna della ragazza con il pancione e la clessidra in mano. E dal Ministero della Salute questa volta arriva una reazione in poche ore, anche interna.

Il ministro Beatrice Lorenzin ha annunciato infatti di avere ritirato l'opuscolo incriminato ma anche di avere aperto una inchiesta per capire cosa è accaduto. Lorenzin vuole sapere «perchè l'immagine visionata e vidimata dal Gabinetto non corrisponda esattamente a quella apparsa sul sito». Revocato anche l'incarico al direttore generale per la comunicazione del ministero, Daniela Rodorigo.

Tanti gli utenti che su Twitter avevano commentano la nuova immagine, dopo le polemiche delle scorse settimane sulla prima campagna cancellata dal ministro della Salute. «È uno scherzo, i buoni usi dei bianchi e i cattivi dei neri, ma se è vero chi fa le campagne per il Fertility Day?». «Un nuovo imbarazzante capitolo» commenta un altro utente, e ancora «buoni#bianchi, cattivi#neri».

Si tratta di due immagini stock, quelle standard e acquistate per molte attività della comunicazione. Una, quella con i giovani biondi sorridenti, già usata per una attività dentistica in Gb, l'altra per una campagna contro la droga negli Usa. Ma quel particolare mix ha scatenato immediatamente ironia e critiche. «Qualcuno ha deciso di sabotare il ministero della salute.

La contrapposizione tra coppie da spot del dentifricio (a colori) e nero con drogate (virati seppia) per contrapporre gli stili di vita è da tribunale di Norimberga della pubblicità regresso», scrive su Facebook il giornalista Enrico Mentana.

«Il razzismo è negli occhi di chi guarda, noi pensiamo alla prevenzione», aveva risposto a caldo il ministero da dove in serata arriva la notizia delle misure disciplinari decise da Lorenzin. Confermato però il programma di domani: quattro convegni medico scientifici in altrettante città italiane.

Il progetto di salute pubblica, nonostante tutto, assicura il Ministero, andrà avanti. La giornata tuttavia prevede nuovi ostacoli. Nove manifestazioni sono state organizzate in altrettante città italiane con l'ironico titolo «Fertility Fake».

Aperto anche il fronte politico con Sinistra Italiana che ha presentato una mozione di censura sul Fertility e le richieste di dimissioni del ministro come quella arrivata dalla senatrice M5S Paola Taverna.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati