REGIONE

Finanziaria bis, l'Ars salva 130 lavoratori licenziati da partecipate o enti regionali chiusi

di
ars, finanziaria, partecipate, regione, Sicilia, In Sicilia così

PALERMO. Bloccata dal 10 agosto, la Finanziaria bis ha ripreso il proprio cammino e oggi dovrebbe tagliare il traguardo. La spinta l'ha data la tregua registratasi nella maggioranza sulla sanità e, soprattutto, l'arrivo al voto di norme che prevedono assunzioni e finanziamenti vari.

La norma di maggiore peso approvata ieri è quella che offre un paracadute ai dipendenti che erano impiegati nelle partecipate e in enti regionali chiusi o in liquidazione: Sviluppo Italia Sicilia, Ciem, Quarit e Cerisdi. Almeno 130 persone transiteranno nella Sas, la più grande partecipata regionale che diventa sempre più un contenitore di precari e dipendenti in arrivo da enti in crisi.

Questo personale potrebbe andare anche all'Irfis. Anzi, formalmente i 130 finiscono in un albo da cui Sas e Irfis attingeranno per svolgere nuovi compiti. E per questi nuovi compiti c' è già un finanziamento: 2,7 milioni.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

 

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati