paralimpiadi, Rio de Janeiro, Alex Zanardi, Sicilia, Sport
Alex Zanardi
IN BRASILE

Paralimpiadi, Zanardi superstar
Dopo l'oro arriva anche l'argento

RIO DE JANEIRO. Il ciclismo azzurro paralimpico, dopo i trionfi di ieri, regala all'Italia altre due medaglie: le indossano Alex Zanardi (H5) e Luca Mazzone (H2), al termine delle rispettive prove in linea. Il 49enne bolognese, dopo 60 km sulle strade di Rio, passando per il lungomare di Pontal (quattro giri da 15 km ciascuno, tutti uguali e tutti diversi), viene 'beffatò in volata dal sudafricano Ernst Van Dyk; Mazzone cede solo allo statunitense William Groulx.

Per Zanardi, nel giorno del 15/o anniversario dell'incidente che lo privò delle gambe, si tratta della quinta medaglia ai Giochi paralimpici: due ori e un argento a Londra, un oro e un argento a Rio de Janeiro.  Malgrado la grande prova, l'emiliano non è riuscito a bissare il trionfo di ieri e sarebbe stata la ciliegina su una torta già molto ben assortita. Ieri il trime trial lo aveva incoronato, facendolo entrare definitivamente nella leggenda, oggi l'argento sulla pista di Pontal.

Un argento pesante, che luccica tantissimo, soprattutto per come è arrivato. L'azzurro è stato bravo a far sfogare il tentativo di fuga dell'olandese De Vries e poi lo riacciuffato. Il successivo testa a testa con il sudafricano Van Dyk è stato molto emozionante fino agli ultimi metri. Il sudafricano, però, non ha mollato ed è riuscito a tagliare per primo il traguardo davanti all'azzurro che, a sua volta, ha preceduto l'olandese Plat, con il tempo di 1h37'49«. Quindici anni dopo il drammatico e terribile incidente sul circuito tedesco di Lausitzring, nella Formula Kart, Zanardi si è consolato oggi. »In gara non ho mai pensato all'incidente - ha detto l'azzurro - ho solo cercato di rimanere concentrato. Non era questa la medaglia che avevo sognato stamattina, ma è comunque un risultato straordinario per me; sono contentissimo di essermi preso quest'argento, che segue l'oro di ieri. Cosa posso volere di più dalla vita?...«. «Tatticamente - ha poi aggiunto - credo di non avere sbagliato nulla, ma evidentemente ero cotto e Van Dyk è stato molto bravo nella prova». Anche Luca Mazzone, come Zanardi, ieri aveva vinto l'oro e oggi sperava in un fantastico bis. Il pugliese, impegnato nella road race di categoria H2, invece, ha perso in volata contro lo statunitense Groulx, pur disputando una gara meravigliosa, sempre in testa e fianco a fianco con il vincitore: lo statunitense è riuscito a spuntarla davanti all'azzurro e allo svizzero Fankhauser, giunto addirittura con 7'49» di ritardo dalla coppia Groulx-Mazzone, che hanno ricoperto il tracciato in 1h15'23.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati