Milan, roma, SERIE A, Sicilia, Sport
SERIE A

Sprofondo Milan, ko con l'Udinese
Roma e Inter, vittorie sofferte

ROMA. San Siro va in scena un vero e proprio 'sprofondo rossonero', con il Milan sconfitto dall'Udinese e prigioniero dei propri limiti. Una squadra, quella affidata a Vincenzo Montella, che, dopo la bella partenza contro il Torino (vittoria per 3-2, sia pure grazie anche a un errore dal dischetto del granata Belotti), si è ridimensionata notevolmente, prendendone quattro dal Napoli e oggi uno - ma decisivo - in casa, contro l'Udinese, che conquista tre punti grazie a Perica nel finale.

In un turno caratterizzato da violenti acquazzoni e grandinate di fine estate, Genoa-Fiorentina naufraga sul manto erboso di Marassi e l'arbitro Banti è costretto a fermare definitivamente il gioco. Roma-Sampdoria viene allungata fino alle 18, dopo una lunghissima sospensione.

Un nubifragio violentissimo si abbatte sulla Capitale, trasformando lo stadio Olimpico in una piscina a cielo aperto, con le due squadre che fanno appena in tempo a chiudere il primo tempo. La Samp va al lungo stop in vantaggio di 2-1 grazie a Muriel e Quagliarella, che ribaltano il gol iniziale di Salah; al ritorno in campo, Spalletti getta Totti nella mischia e il Capitano per antonomasia del giallorossi suggerisce a Dzeko un pallone delizioso per il due pari, quindi firma il 3-2 su un rigore molto contestato dai doriani.

In serata l'Inter soffre, sul campo del Pescara, che passa pure in vantaggio, poi però offre una straordinaria dimostrazione di forza, ribaltando una situazione davvero difficile: ci pensa Mauro Icardi, con una formidabile doppietta, a regalare la prima gioia all'allenatore olandese Frank De Boer.

Un risultato importante per i nerazzurri che vedono un po' di luce, dopo un inizio disastroso, e tengono le distanze dalle big della Serie A. Ma quanta paura contro la squadra di Oddo che, oggettivamente, non avrebbe meritato la sconfitta davanti al proprio pubblico. L'altra romana, la Lazio, gioca una buona partita sul difficile campo del Chievo Verona e soprattutto ritrova Keita, che propizia il gol dell'1-1 di De Vrij, dopo che Gamberini aveva portato in vantaggio i padroni di casa.

Il Torino va vantaggio a Bergamo, con una splendida punizione di Falque, ma si fa raggiungere da Andrea Masiello, grazie alla complicità del portiere Hart, e sorpassare dal rigore di Kessié. Nell'anticipo a pranzo, il Bologna aveva piegato il Cagliari per 2-1, in un derby tutto rossoblù che ha rilanciato la squadra di Donadoni e lasciato con un solo punto in classifica quella sarda. Ieri i tris di Juve e Napoli, domani si aspetta la sfida fra Empoli-Crotone, una partita che sfugge a ogni pronostico.

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati