SCUOLA

Maturità, alla seconda prova l'esortazione sulla pace di Isocrate

esame maturità, scuola, seconda prova, Sicilia, Cronaca

ROMA. L'esortazione di Isocrate ai suoi concittadini a non cadere nella trappola dell'ingiustizia, tratta dall'opera 'Sulla pacè e proposta oggi come seconda prova della maturità al liceo classico, «è un brano ben scelto», dice il filologo e storico del mondo antico Luciano Canfora. «Innanzi tutto - spiega - la sintassi di Isocrate è particolarmente limpida, cristallina, regolare, mai imprevedibile: anche il periodo è lungo, è molto ben organizzato e uno studente di preparazione media può orientarsi bene.

E poi il ritaglio del brano è fatto con una certa intelligenza: ha sì un carattere moraleggiante se non narrativo, ma si riferisce a fatti noti, la crisi del secondo impero ateniese e la cosiddetta guerra sociale. Occasione in cui Isocrate indica nella scadente qualità del ceto politico una delle cause dell'inevitabile sconfitta di Atene».

Il brano è interessante, secondo Canfora, anche perchè «Isocrate parla per la prima volta direttamente di politica interna, essendosi occupato precedentemente delle grandi tematiche di politica estera. Nato nel 436 avanti Cristo e vissuto quasi cent'anni, fino al 338, nel 357-56, quando scrive questi brani, è già un vecchio signore e ha maturato un distacco abbastanza significativo dalle parti politiche. Con questo spirito mette l'accento sulla qualità del ceto politico di allora».  Un argomento, conclude Canfora, «molto attuale: il testo si apre con un elogio della giustizia che non fa mai male».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati