agricoltura sicilia, aziende agricole siciliane, Piano di sviluppo rurale, psr sicilia, Antonello Cracolici, Sicilia, Economia
PSR

Agricoltura, 400 milioni in tre anni per le aziende siciliane

PALERMO. Un plafond di 400 milioni di euro in tre anni per promuovere la crescita e occupazione dell'agroalimentare in Sicilia. Lo prevede il pacchetto di misure per lo sviluppo contenuto in un accordo siglato a gennaio scorso tra il ministero per le Politiche agricole e il gruppo bancario Intesa, che destina complessivamente 6 miliardi di euro alle aziende che operano nel settore.

Se n'è discusso a Palermo, nella Sala Lanza dell'Orto Botanico, nell'ambito di un convegno per illustrare alle aziende le opportunità di accesso al credito contenute nell'accordo "Diamo credito all'agroalimentare". I 6 miliardi in tre anni servono per incentivare l'innovazione, agevolare l'export e i processi di internazionalizzazione delle imprese, ma anche per il ricambio generazionale e percorsi di alta formazione per gli imprenditori.

I 400 milioni destinati alla Sicilia per la crescita e l'occupazione, secondo le prime proiezioni dovrebbe generare nell'Isola nuovi investimenti per oltre 500 mln di euro. L'accordo tra il gruppo Intesa Sanpaolo si propone anche di facilitare l'utilizzo dei fondi comunitari previsti dal Piano di sviluppo rurale (Psr) della programmazione 2014-2020, che destina o alla Sicilia circa 2,2 miliardi di euro, favorendo un volano di investimenti per circa 6,3 miliardi.

Ma non è tutto: il gruppo bancario intende promuovere interventi finanziari e servizi di consulenza in collaborazione con i principali interlocutori del territorio; insieme al ministero realizzerà un'indagine conoscitiva con la collaborazione dell'Ismea per capire qual è il posizionamento delle imprese rispetto alla capacità di accesso al credito. Secondo il direttore regionale per il Sud di Intesa Sanpaolo, Francesco Guido, l'accordo consente di "investire sui principali asset produttivi e sulle eccellenze del territorio per sviluppare l'economia della Sicilia.

La convergenza tra politiche industriali e creditizie, rappresentata dall'accordo con il ministero, è importante per assicurare un adeguato sostegno al settore agroalimentare siciliane con l'obiettivo di valorizzare una delle eccellenze del made in Italy". Il gruppo bancario ha deciso di prolungare il periodo di sospensione dei mutui, portando la misura da 12 a 24 mesi per l'intero settore agroalimentare.

"E' un accordo importante - ha detto il sottosegretario alle politiche Agricole Giuseppe Castiglione - che aumenta la capacità delle imprese di poter competere, di fare innovazione e ricerca e di utilizzare in modo proficuo le risorse".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati