Lunedì, 22 Ottobre 2018
LE MUTAZIONI

Tumore al seno, individuati cinque "punti deboli"

di

ROMA. Il più grande studio genetico mai fatto sul cancro al seno - pubblicato sulle riviste Nature e Nature Communications - ha individuato cinque 'punti deboli', cinque mutazioni che potrebbero essere utilizzate come obiettivo per nuovi farmaci.

Coordinati dal Sanger Institute di Cambridge, i ricercatori hanno analizzato l'intero genoma di 560 tumori al seno, tra cui quattro di uomini, trovando cinque mutazioni associate all'insorgenza del tumore e altri 13 varianti genetiche che ne condizionano lo sviluppo.

Con quest'ultima scoperta salgono a 93 i geni in grado di influenzare il tumore se mutati, spiegano gli autori, e questa dovrebbe essere la lista definitiva.

«Tutti i tumori sono dovuti a mutazioni che avvengono durante la vita», spiega Mike Stratton, uno degli autori.

«Trovarle - aggiunge - è cruciale per capire le cause del cancro e sviluppare terapie migliori. Questo studio enorme ci ha portato molto più vicino ad avere una descrizione completa dei cambiamenti nel Dna del tumore al seno e quindi a una comprensione completa delle cause della malattia e delle opportunità per nuovi trattamenti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X