Lunedì, 17 Dicembre 2018
L'EMERGENZA

Medici senza frontiere: in arrivo in Sicilia più di 300 migranti soccorsi nel Mediterraneo

ROMA. Medici senza frontiere rende noto di aver ripreso la propria azione di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale. La prima operazione è stata effettuata dalla Dignity I, prima delle navi MSF a ripartire, che ha ricevuto 308 persone da una nave di soccorso italiana e arriverà in Sicilia domani.

Nelle prossime settimane MSF rende noto che aumenterà la portata delle operazioni, impiegando personale medico qualificato a bordo di altre due navi, posizionate nelle acque a nord della Libia e attivamente impiegate nella ricerca di imbarcazioni che necessitano soccorso.

Intanto, tre cittadini ucraini sono stati sottoposti a fermo perché ritenuti gli scafisti della nave Karusel intercettata il 18 aprile scorso dai mezzi aeronavali della Guardia di finanza al largo delle coste calabresi e diretta verso l'Italia carica di migranti.

I fermi, eseguiti al termine delle indagini condotte dai finanzieri del Reparto operativo aeronavale di Vibo Valentia e dei Gruppi aeronavali di Taranto e Messina, sono stati convalidati dal gip di Reggio Calabria che ha disposto la detenzione in carcere per i tre. I migranti, provenienti dal Corno d'Africa e dal Medioriente, sono stati trasbordati su un pattugliatore della Finanza e condotti nel porto di Reggio Calabria nel primo pomeriggio del 19.

A bordo avevano viaggiato 65 stranieri, tra i quali 23 donne di cui 3 in stato di gravidanza e 19 bambini. La nave è risultata priva di qualsiasi dispositivo di sicurezza ed i migranti durante il viaggio, durato circa 2 giorni ed iniziato da una spiaggia greca, non hanno ricevuto né cibo né acqua.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X