Martedì, 20 Febbraio 2018
GLI ATTENTATI

Bruxelles, l'uomo col cappello riconosciuto con software dell'Fbi

BRUXELLES. Il terzo uomo del commando di Zaventem, Mohamed Abrini, è stato riconosciuto grazie all'aiuto dell'Fbi. Lo riporta oggi L'Echo. Il suo volto è stato riconosciuto grazie ad un software di riconoscimento facciale fornito dall'Fbi, che da qualche settimana partecipa all'inchiesta dopo che il Belgio ha accettato l'aiuto degli americani. La procura aveva difficoltà ad accertarne l'identità attraverso il dna, perché le tracce trovate a Zaventem e nel taxi non erano certe. Così l'Fbi ha proposto di utilizzare il Next Gen Identification System, che non ha lasciato dubbi sull'identità dell' 'uomo col cappello', che è Abrini.

Intanto, la ministra belga dei trasporti Jacqueline Galant si è dimessa, travolta dalle critiche per aver ignorato gli allarmi della Ue sulla sicurezza dell'aeroporto e per aver gestito male gli scioperi dei controllori di volo di questi ultimi giorni. Lo riporta l'agenzia Belga. Ieri si era dimesso il suo direttore generale, accusandola di mala gestione del dossier trasporti, specialmente dopo gli attentati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X