Sabato, 21 Luglio 2018
FORMULA UNO

Gp Bahrain, le Mercedes volano nelle prove libere

SAKHIR. Si apre il week end del Gp del Bahrain ed è sempre la Mercedes a dettare i tempi. Nelle prime prove libere sulla pista di Sakhir il più veloce è stato Nico Rosberg che ha chiuso in 1:32:294, precedendo il compagno di squadra Lewis Hamilton. Terza la Ferrari di Kimi Raikkonen a +1:834, seguito dalle Red Bull di Ricciardo e Kvyat. Solo undicesimo Sebastian Vettel con un ritardo da Rosberg di +2:779.

Il week end si era aperto con la notizia che Fernando Alonso non correrà il gran premio di F1 del Bahrain ed è in dubbio anche per quello in Cina, in programma il 17 aprile. Sono più serie del previsto le conseguenze dell'incidente di 10 giorni fa a Melbourne: alcune costole fratturate ed un pneumotorace. Il pilota della McLaren non ha superato la visita medica cui è stato sottoposto presso il circuito di Sakhir. La Tac ha rivelato che le costole lesionate non garantiscono allo spagnolo di sopportare in sicurezza le sollecitazioni della gara.

Alonso ci teneva molto a prendere il via. Ora, pur insistendo sul fatto che tali rischi sono "molto piccoli", deve ammettere che non può dire con precisione quando potrà tornare. "Domenica (in Australia, ndr) stavo bene - ha raccontato nella conferenza stampa Fia in Bahrain - Un po' di dolore al ginocchio, ma nulla di grave. Così ho avuto il via libera per lasciare la pista e tutto era a posto". Lunedì "avevo un po' di dolore in generale, ma niente di troppo serio. Poi, arrivato in Spagna, il dolore era aumentato. Così abbiamo fatto un controllo ed abbiamo scoperto un piccolo pneumotorace sul polmone. Ho seguito il consiglio dei medici, mi sono riposato a casa ed ho ripetuto la Tac. Il pneumotorace è in via di guarigione, ma ho avuto alcune fratture costali. In F1 la macchina costringe ad una posizione molto particolare e, con la forza-G, c'era il rischio che le fratture potessero muoversi nei polmoni. Alla domanda se si sentisse fiducioso di correre in Cina, Alonso ha risposto: "Non al cento per cento. Nei prossimi 8 o 10 giorni dovrò fare un altro test e poi la Fia farà le sue valutazioni, come è stato oggi. Io voglio recuperare e dal danno al polmone sto recuperando. Ma le costole non si possono 'incollare'. Il rischio è molto, molto piccolo, ma ho capito che tutti noi vogliamo il rischio zero. Quindi è solo una questione di tempo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X