Sicilia, Economia, La Sicilia che funziona
L'INTERVISTA

Nuovo piano di rilancio di Benetton, l'ad Airoldi: "Ripartiamo dalla Sicilia"

di
Il nuovo amministratore delegato: «Per noi l’Isola è un mercato importante. Abbiamo 120 negozi fra Benetton e Sisley e un fatturato di circa 35 milioni»

PALERMO. Passa dal Mezzogiorno e dalla Sicilia in particolare, il piano di rilancio di Benetton. Lo storico marchio di abbigliamento, dopo due anni di cura affidati al nuovo amministratore delegato Marco Airoldi (ex senior partner di Boston Consulting), torna a progettare lo sviluppo.

Nel frattempo, ha cambiato totalmente il modello aziendale e rivoluzionato la prima linea con l’arrivo di dieci manager esterni. È stato rivisto il sistema di governo (nessun membro della famiglia in consiglio di amministrazione), è stata riorganizzata l’attività scorporando le proprietà immobiliari e le fabbriche conferite in scatole apposite che fanno capo ad Edizione (la cassaforte della dinastia di Ponzano Veneto).

Infine è stato costruito «un nuovo format per i negozi chiamato “on canvas” che segna, cioè, il ritorno della maglieria nella produzione di punta. Un progetto interamente italiano – spiega Airoldi - che propone una struttura innovativa e accogliente che mette al centro il prodotto». L’elemento caratterizzante diventa il telaio, attorno al quale si costruiscono stagioni, collezioni, colori e materiali. Il telaio, simbolo di tradizione e artigianalità, diventa emblema di innovazione rendendo possibile, senza sforzi, ogni trasformazione all’interno del negozio.

Che cosa significa in concreto la centralità della Sicilia nei piani di rilancio della Benetton?
«Per noi la Sicilia è un mercato importante. Abbiamo 120 negozi fra Benetton e Sisley e un fatturato commerciale di circa 35 milioni. Palermo per noi è una delle aree target. Non a caso l’anno scorso abbiamo realizzato uno dei primi negozi in Italia secondo il nuovo format “on canvas”. È stato uno dei primi in Italia dopo quello che avevamo inaugurato a Milano. Faremo lo stesso nei punti vendita di Belpasso, Enna, Siracusa, Trapani, Messina, Cefalù e Gela. A conferma della centralità della Sicilia, ci sono le nuove aperture a Catania e a Trapani».

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati