campagna elettorale, casa bianca, elezioni, Donald Trump, Papa Francesco, Sicilia, Mondo
Donald Trump
VERSO LE ELEZIONI

Trump attacca anche il Papa: "E' molto politicizzato"

WASHINGTON. Donald Trump critica anche Papa Francesco e afferma che non capisce i problemi degli Stati Uniti sull'immigrazione. Alla vigilia della visita del Pontefice in Messico, il candidato alle primarie repubblicane ha affermato in una intervista a Fox Business che Bergoglio a suo parere e' "molto politicizzato". "Penso che non capisca i problemi del nostro Paese - ha spiegato il tycoon - Non credo che abbia chiaro il pericolo del confine che attualmente lasciamo aperto con il Messico". Non e' la prima volta che Trump critica Papa Francesco. Durante la visita del Pontefice negli Stati Uniti, nel settembre scorso, Trump aveva affermato alla Cnn che Bergoglio era "molto politicizzato". Nonostante queste differenze, il miliardario newyorkese aveva pero' precisato di rispettare il Papa. "Mi piace - aveva aggiunto Trump - Sembra una brava persona"

Bernie Sanders e Hillarey Clinton si soono detti d'accordo su una riforma dell'immigrazione che dia a milioni di immigrati che vivono e lavorano in America la speranza di ottenere la cittadinanza statunirense. "Si spera che dopo le elezioni del 2016 - ha detto Clinton - i repubblicani si riprendano e si rendano conto che non possono deportare 11 o 12 milioni di persone".

Qualche scintilla, ma non un vero e proprio scontro. Il primo confronto tv tra Hillary Clinton e Bernie Sanders dopo le primarie in New Hampshire vede i due candidati democratici alla Casa Bianca guardinghi, prudenti, come avessero paura del passo falso. Passo che potrebbe essere fatale in vista dei prossimi appuntamenti in Nevada e South Carolina, a fine febbraio. Un duplice test che puo' diventare determinante nella corsa alla nomination. Tutti, dopo il trionfo del senatore del Vermont in New Hampshire, si aspettavano una Clinton aggressiva, decisa a imprimere una svolta alla campagna elettorale. Invece non e' stato cosi'. E la preoccupazione di entrambi e' stata quella di non sbagliare, Cosi' come quella di accattivarsi le simpatie delle minoranze. Del resto in South Carolina gran parte dell'elettorato democratico e' afroamericano. In Nevada lo e' il 20%, mentre il 13% e' di origine ispanica. Normale, dunque, corteggiare il piu' possibile questo bacino di elettori che nel 2008 e 2012 fu determinante per il trionfo di Barack Obama. E proprio sul presidente i due candidati hanno uno degli scontri piu' accesi: Sanders critica alcune della sue azioni. Hillary lo difende: Obama non ha i crediti che si meriteresse, ''questo tipo di attacchi me lo aspetteri dai repebblicani''. Sanders replica secco a Clinton: ''segretario e' un colpo basso''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati