Jules Bianchi, non ce l'ha fatta: addio dopo 9 mesi di coma - Foto

NIZZA. La famiglia di Jules Bianchi ha annunciato che il pilota francese di Formula Uno è morto per le ferite alla testa riportate in un incidente al Gran Premio del Giappone l'anno scorso.

L'ultimo a morire di Formula 1 fu Ayrton Senna, il pilota brasiliano reso leggenda dai tifosi, oltre che dai successi conquistati, la cui corsa s'interruppe sul circuito Imola. Era il primo maggio 1994 e, da allora, grazie anche a una serie di revisioni che hanno permesso sostanziali aggiustamenti alle norme sulla sicurezza dei piloti, la drammatica catena di decessi in Formula 1 sembrava essersi spezzata. Altri piloti erano morti, ma non nei Gran premi di Formula 1.

Da stanotte la morte ha ricominciato ad andare a braccetto con la Formula, dopo che un altro ragazzo con la faccia pulita - come Senna e tanti altri 'martiri' della velocità - che amava stare con il casco e la tuta, se n'è andato per sempre. La sua corsa, a dire il vero, si era interrotta il 5 ottobre dell'anno scorso, sulla pista di Suzuka, in Giappone, quando la Marussia (attuale Manor) che guidava era andata a schiantarsi contro una gru, entrata in pista per recuperare una vettura incidentata.

Da quel momento, il francese Bianchi, 25 anni, giovane promessa del movimento automobilistico, una carriera iniziata a Maranello, non si era più svegliato. La sua vita era diventata come una fiammella che si era affievolita giorno dopo giorno. Fino a stanotte, quando si è spenta per sempre. Bianchi è andato così a far compagnia agli altri colleghi sacrificati sull'altare della dea velocità. Nove mesi in coma, la speranza incessante e disperata di parenti e amici, compagni e avversari, che cozzava con la realtà di una vita che non voleva riprendere.

Una speranza vana, soppiantata dalla disperazione e dal lutto per una giovane vita che se ne va. Dopo l'incidente a Bianchi, la Fia ha deciso di rafforzare le misure di sicurezza in pista, dando il via libera alla safety-car virtuale, che costringe i piloti a rallentare l'andatura in caso di pericolo. Adesso è prevista anche la ripartenza da fermo sulla griglia dopo l'ingresso della safety-car, a patto che siano passati almeno due giri dal semaforo verde e che manchino più di cinque giri alla fine della gara.

Ma non solo: cinque Gp sono stati anticipati di un'ora per garantire maggiore visibilità ai piloti con la partenza almeno quattro ore prima del tramonto. L'indagine sull'incidente che è costato la vita a Bianchi ha portato la Federazione internazionale automobilismo ad addossare allo stesso pilota le cause dell'incidente: "Non ha rallentato a sufficienza, per evitare di perdere il controllo dell'auto", una delle conclusioni della commissione di esperti incaricati per fare luce sul drammatico scontro fra l'auto e la gru. Un verdetto che sa tanto di beffa, ora davvero crudele.

© Riproduzione riservata

PERSONE: