La Regina Elisabetta da piccola faceva il saluto nazista: il video che la riprende

ROMA. Un filmato sgranato in bianco e nero, di pochi secondi. La futura regina Elisabetta nel 1933 è ripresa insieme a sua madre e sua sorella Margaret nella tenuta di Balmoral. Con loro lo zio Edoardo, quello che tre anni dopo salirà al trono per poi abdicare per sposare Wallis Simpson. E tra i giochi e le risate sul prato tutti cominciano ad alzare il braccio destro come nel saluto nazista. Come se Edoardo volesse insegnare come si fa. La clip viene pubblicata dal Sun sul suo sito e presentata come un'esclusiva mondiale, un filmato rimasto nascosto per 80 anni e riemerso oggi per la prima volta.

Il giornale precisa che il filmato risale al 1933-34 quando Hitler ha da poco conquistato il potere e che i legami di Edoardo con Hitler e il fascismo sono ben documentati. Il quotidiano aggiunge che esperti hanno definito il nuovo filmato di grande interesse pubblico e che potrebbe gettare nuova luce sull'atteggiamento della famiglia reale nei confronti della Germania negli anni '30. Karna Urbach, un'esperta del nazismo e membro del Istituto di ricerche storiche descrive il filmato come «notevole».

«È abbastanza scioccante. La Regina ha avuto un tale orgoglioso comportamento durante la seconda guerra mondiale ed un senso del dovere verso il suo paese che a nessuno potrebbe venire in mente che guardasse con simpatia alla Germania nazista. Era una bambina quando il filmato fu girato, molto prima che le atrocità del nazismo diventassero note». «Ma Edoardo aveva già dato il benvenuto al regime come Principe di Galles nel 1933 - ricorda - e rimase filonazista anche dopo lo scoppio della guerra». Secondo il quotidiano il filmato originale sarebbe rimasto sotto chiave, ma alcuni anni fa furono fatte delle copie della clip e una di queste è stata consegnata al quotidiano da una fonte che ritiene che abbia un pubblico interesse. Alcuni esperti sottolineano che nel filmato «tutti ridono e scherzano» e che in quel periodo «non ci fosse un bambino in Gran Bretagna che non abbia fatto per scherzo il saluto nazista». E ricordano ancora che i genitori di Elisabetta, la Regina madre e Giorgio VI «furono fermi nel loro rigetto del nazismo come leader del mondo libero e nella lotta contro quella tirannia».

© Riproduzione riservata

Correlati