Tennis, wimbledon, Sicilia, Sport
TENNIS

Wimbledon: in semifinale è ancora Serena Williams contro Sharapova

WIMBLEDON. Il secondo martedì dei  Championships, come da tradizione, è dedicato ai quarti delle  donne, che confezionano l'ennesima sfida tra Serena Williams e  Maria Sharapova, ultimo vero ostacolo tra la n.1 al mondo e il  suo sesto titolo di Wimbledon. Dopo la prova di forza contro la  sorella Venus, oggi Serena ha sofferto una partenza in salita.  Merito dell'avversaria di giornata, la bielorussa Victoria  Azarenka, ex numero uno al mondo, che sembrava aver ritrovato  d'incanto i colpi di una volta. L'incantesimo però è durato meno  di un'ora, in tempo perchè Serena potesse chiudere in tre set in  poco più di due ore (3-6, 6-2, 6-3). Dopo Melbourne e Parigi,  l'ambizione della più giovane delle Williams va già oltre i  prati di Church Road: all'orizzonte c'è il Grand Slam anche se  l'interessata sull'argomento non commenta. «È stata una partita  di alti e bassi, ma in qualche modo sono ancora viva. Sono  davvero contenta di essere ancora in tabellone», le parole a  caldo di Serena.

Le mancano ancora due vittorie per il 21/o Slam  della carriera: giovedì la attende l'eterna rivale Maria  Sharapova, che ha avuto bisogno di due ore e 45' (6-3, 6-7(3),  6-2) per avere la meglio della statunitense Coco Vandeweghe, n.  47 del ranking Wta, una delle sorprese del torneo. «Maria sta  giocando molto bene, è una lottatrice - le parole della Williams  - Non avrò nulla da perdere. A Wimbledon non ci affrontiamo da  un pò di anni». Da tre, per la precisione. Finale olimpica  2012, vinta da Serena. Come due anni prima. Ma se il computo  totale è clamorosamente sbilanciato a favore dell'americana  (17-2), Maria si può consolare con la vittoria del 2004 sul  Centre Court che le assicurò il primo Slam in carriera.     La semifinale meno nobile, oppone la spagnola Garbine  Muguruza, mai così avanti in uno Slam, alla polacca Agnieszka  Radwanska (in parità i precedenti). In meno di un'ora e mezza la  n.20 Muguruza ha liquidato la svizzera Timea Bacsinszky (7-5,  6-3); più complicata la vittoria della Radwanska, in tre set  sulla statunitense Madison Keys (7-6(3), 6-3, 6-3 in un'ora e  55').      Oggi si è disputato anche l'ultimo set del quarto tra Novak  Djokovic e Kevin Anderson, interrotto lunedì sera per oscurità.  Dopo appena 45' di gioco (tempo totale tre ore e 47') ha infine  prevalso il n.1 al mondo (6-7, 6-7, 6-1, 6-4, 7-5). Per il  sudafricano Anderson il rammarico di due palle-break consecutive  non sfruttate sul 2-1 del quinto. «È stato uno dei match più  difficili della mia carriera, ma sono pronto per il prossimo  incontro», il commento di Djokovic che nei quarti, in programma  mercoledì, è atteso dal croato Marin Cilic (precedenti 12-0 per  Djokovic).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati