risorse, rom, Sicilia, Politica
ANCI

Fassino: "Il Governo ci dia i soldi per chiudere i campi rom"

ROMA. «Abbiamo dimenticato di essere stati per 150 anni un paese di emigranti. Dovremmo ricordarcene adesso. E proviamo ad affrontare una questione alla volta. Per quanto riguarda i rom la soluzione non è rinviabile. Esplode ora perchè in concomitanza c'è il dramma dei profughi sommato alle incognite della crisi sociale per le famiglie a basso reddito. Una miscela che può provocare tensioni. Per questo bisogna usare la ragione e non la pancia». Lo afferma al Quotidiano nazionale il presidente dell'Anci e sindaco di Torino, Piero Fassino.

«Il problema dei rom - spiega Fassino - va affrontato partendo da due presupposti. Primo, non è un paese civile quello che consente alla gente di vivere nel fango e nella spazzatura sotto case di lamiera e cartone. La soluzione quindi è superare i campi come sono oggi. Secondo, oltre che incivili questi insediamenti sono pericolosi. Un punto di insicurezza sul territorio. L'urgenza mi sembra evidente. Vanno ripensati. E per farlo occorre una strategia fondata su risorse finanziarie certe, cosa che fino a oggi non è stata garantita. Per questo abbiamo chiesto un confronto con il governo, che si è impegnato a istituire un fondo apposito».

«Fino a oggi - lamenta Fassino - una continuità nei finanziamenti non c'è mai stata. Questo è il punto. Esiste infatti un costo in più non valutato: dopo la ricollocazione è necessario bonificare un terreno che ha drenato per anni ogni tipo di sostanza. Per farlo servono risorse certe e non a singhiozzo».

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati