band, concerti, Sicilia, Cultura
MUSICA

Nuovo album per i Duran Duran, torna la band simbolo degli anni '80

ROMA. I Duran Duran tornano con un nuovo album. La band simbolo degli anni '80 ha annunciato il suo 14esimo lavoro: Paper Gods, che uscirà negli Stati Uniti il 18 settembre e una settimana prima, l'11, nel resto del mondo su etichetta Warner Bros. Records.

«È davvero un ritorno a quello strano mix dei Duran dei primi tempi: il pop dai bordi duri e netti, che convive con il lato scuro, strano e sperimentale», spiega John Taylor. «È qualcosa di essenziale per tutti noi - aggiunge Nick Rhodes -. È bello poter sollevare l'umore della gente - e il tuo - con un bella dose di puro pop, ma il mondo in cui viviamo non è fatto solo di quella roba, per cui mi sembra assolutamente naturale aver mantenuto un piede nel lato più scuro e gotico della vita».

Le prime session per Paper Gods iniziarono nel 2013, con Mark Ronson e l'ingegnere del suono Josh Blair, nello studio di registrazione della band nella zona sud di Londra, come avevano fatto nel 2011 per All You Need is Now, che era stato appunto prodotto da Ronson. Quando Ronson dovette allontanarsi per iniziare a lavorare al suo album, i Duran Duran e Blair chiamarono Ben «Mr» Hudson, collaboratore di Kanye West/Jay-Z, e le session immediatamente si scaldarono.

Nell'estate del 2014, Ronson potè di nuovo dedicarsi al progetto, aggiungendo alla produzione di due delle tracce più importanti dell'album Nile Rodgers, da tempo amico e collaboratore della band. Il resto delle canzoni è prodotto da Josh Blair e la band.

«Abbiamo trovato un nuovo livello d'ispirazione per questo album», dice ancora Rhodes. «Ci siamo concessi il tempo necessario per realizzare della musica di cui siamo fieri - aggiunge Simon Le Bon -. Giudico i nostri dischi paragonandoli ai miei preferiti: Horses, Harvest, Let It Bleed, Blue,
Transformer, Aladdin Sane. Questi sono dei veri e propri classici. L'unica regola è che devi fare della musica con cui tu possa convivere per il resto della vita».

Il disco è impreziosito dalla partecipazione di ospiti speciali come Janelle Monae (nel primo singolo, «Pressure Off»), l'ex chitarrista dei Red Hot Chili Peppers John Frusciante, la cantante canadese vincitrice di un Juno-Award Kiesza, il cantautore britannico Mr Hudson, il violinista Davidè Rossi e  l'attrice Lindsay Lohan.

La copertina, opera dell'artista di Los Angeles Alex Israel, raffigura un collage d'immagini che fanno riferimento alla storia visiva dei Duran Duran, ognuna messa come un adesivo su una riproduzione del dipinto di Israel «Sky Backdrop». Oltre all'album, i Duran Duran hanno annunciato che parteciperanno a una serie di festival estivi, a cui seguiranno diversi concerti in America a settembre e ottobre e un tour in Inghilterra che partirà a fine novembre.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati