L'ALLARME

Onu: "Schiave sessuali usate dall'Isis come premio per i jihadisti"

L'inviata dell'Onu afferma: "Le ragazze sono come pacchetti di sigarette, vengono usate per reclutare, premiare e stimolare i combattenti"

Isis, jihadisti, schiave del sesso, terrorismo, Sicilia, L'Isis, lo scettro del Califfo

GERUSALEMME. L’ultima sconcertante rivelazione sul mondo dell’Isis arriva dalla testimonianza dell’inviata Onu Zainab Bangura al termine di una missione in Iraq e Siria. In un articolo pubblicato su La Stampa viene scritto che l’inviata Onu ha raccontato che il Califfato adopera sistematicamente le schiave sessuali come «premio» per i jihadisti: tanto per riconoscere i meriti sul campo di battaglia che per incentivarli ad arrivare nello Stato Islamico.
Al termine di una serie di incontri con testimoni dirette delle violenze di Isis e con le organizzazione umanitarie che assistono i rifugiati dalle aree controllate dai jihadisti, Bangura afferma - si legge su La Stampa - che «le ragazze sono come pacchetti di sigarette, vengono usate per reclutare, premiare e stimolare i combattenti» con una «politica voluta da chi guida il Califfato» che porta a «moltiplicare i sequestri» trasformando stupri e violenze sessuali «in uno dei pilastri del regime dispotico» di Abu Bakr al-Baghdadi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati