Giovedì, 20 Settembre 2018
GOVERNO

Non hanno varato i bilanci in tempo: sono in arrivo i commissari in 217 Comuni siciliani

di
Saranno inviati dalla Regione. Il Palermitano è la provincia maggiormente interessata
cronaca, Province, regione, Sergio, Sicilia, Sicilia, Cronaca
Marcella Castronovo - FUNZIONE PUBBLICA. Classe 1969, laureata in giurisprudenza all’Universitàdi Catania, ha una specializzazione in Studi sulla pubblicaamministrazione conseguita a Bologna. Gli inizidella carriera sono da Segretario comunale, poi - fra il’99 e il 2000 - è nell’ufficio di staff del sindaco di Catania,Enzo Bianco, prima di diventare dirigente del Ministerodell’Interno, quando al Viminale c’era lo stesso Bianco. Ex capo del personale dell’Anci, è stata capo Dipartimentodi Delrio, dal 2009 lavora alla Presidenzadel Consiglio dei Ministri dove oggi è vice segretariogenerale

PALERMO. Avrebbero dovuto approvare i rispettivi bilanci di previsione entro il 30 settembre (termine ultimo fissato dopo numerosissime proroghe) ma, per svariati motivi, non hanno ottemperato all’obbligo e adesso sarà un commissario ad acta a provvedere all’adempimento amministrativo. Sono 217 i comuni siciliani interessati dai decreti emessi tra il 26 novembre ed il 2 dicembre dell’assessore alle Autonomie Locali e Funzione Pubblica, Marcella Castronovo. La provincia con il maggior numero di comuni inadempienti è quella di Palermo (55) mentre Messina e ne conta ben 52 e 34 nel catanese. Molte le città capoluogo interessate tra cui Messina, Palermo, Catania, Agrigento, Enna, Trapani e Siracusa. La provincia con meno comuni interessati è Ragusa (solo tre).
Nella maggioranza dei casi si tratta degli stessi funzionari che andranno a bussare in più comuni per svolgere una indagine conoscitiva sui motivi per cui non si è proceduto all’approvazione del previsione 2014 (nonostante si sia a poche settimane dalla fine dell’anno).
Spesso si tratta di contrasti tra amministrazione comunale e consiglio a provocare la mancata formalizzazione dell’atto di programmazione economica, oppure accade che amministrazioni abbiano ultimato in ritardo le procedure, non riuscendo a giungere nei tempi tecnici necessari, al voto d’aula.
ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X