Venerdì, 21 Settembre 2018
A BERGAMO

Tariffario e carta di credito per le offerte, rimosso il candelabro hi-tech

È durato solo un paio di settimane il 'marchingegno elettronicò: così era stato presentato nel sito ufficiale del Santuario, il candelabro che funziona con le carte di credito, sistemato nella navata minore della basilica nel complesso di Caravaggio.

BERGAMO. I primi a mostrare una certa perplessità erano stati i fedeli più anziani abituati a infilare la monetina nella cassettiera e poi prelevare il cero da accendere alla Madonna del Santuario di Caravaggio a Bergamo. Ma più che l'innovazione tecnologica, è stato il tariffario a scatenare le polemiche. Soprattutto perchè negli stessi giorni in cui la novità è stata introdotta, Papa Francesco è intervenuto contro la chiesa "affaristica".

È durato solo un paio di settimane il 'marchingegno elettronicò: così era stato presentato nel sito ufficiale del
Santuario, il candelabro che funziona con le carte di credito, sistemato nella navata minore della basilica nel complesso di Caravaggio. Dopo le polemiche, il rettore ha deciso di toglierlo.

«Si voleva rendere un servizio ai pellegrini - ha detto don Gino Assensi - ma se deve creare scandalo...». L'apparecchio era stato 'adottato" per agevolare chi preferisce non portarsi dietro contanti ma anche per evitare i furti. Permetteva non solo di accendere candele elettriche, ma prenotare messe e devolvere offerte. Ma proprio le 'tariffè che comparivano sul touch screen (dai 10 euro per una messa, ai 420 per 30 giorni di celebrazioni) hanno innescato una serie di polemiche.

Soprattutto considerando che solo pochi giorni fa Papa Francesco aveva tuonato contro la chiesa 'affaristà. Nell'omelia della messa a Santa Marta a Roma sabato scorso, commentando il brano del vangelo in cui Gesù caccia i mercanti
dal Tempio, Papa Bergoglio aveva definito «uno scandalo» quando entrando in una Chiesa si trova «la lista dei prezzi» per il battesimo, la benedizione, le intenzioni per la messa.

Quindi la decisione di sospendere la sperimentazione e tornare ai vecchi sistemi. Ma nel sito ufficiale, il Santuario
di Caravaggio, un monumentale edificio del XVI secolo dedicato al culto di Santa Maria del Fonte che, secondo la tradizione cattolica apparve in quel punto a una contadina il 26 maggio 1432, ha già preannunciato altri progetti simili. Tra qualche tempo le stesse operazioni, ossia prenotare le messe o devolvere offerte, potranno essere effettuate collegandosi al sito del Santuario da qualsiasi postazione web. Del resto, dicono religiosi del sito bergamasco, bisogno adeguarsi ai tempi. Una volta i fedeli portavano cibo o altri doni. Ora anche le offerte viaggiano Hi-tech

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X