Venerdì, 21 Settembre 2018
ANIMALI

Gps al posto dei campanacci per le mucche? In Svizzera è polemica

I parlamentari difendono la tradizione

GINEVRA. Non è passata inosservata in Svizzera una tesi di dottorato sui presunti effetti nocivi dei mitici campanacci al collo delle altrettanto leggendarie mucche elvetiche: lo studio condotto presso il Politecnico federale di Zurigo suggerisce infatti di liberare i ruminanti dal peso (e dal suono) della tradizione di dotarli di moderni GPS. Proposta inaccettabile per la lobby agricola, insorta in parlamento.

«È lecito chiedersi» se gli autori dello studio conoscano «la realtà e la pratica degli allevatori che si occupano del benessere del loro bestiame», si legge in un'interpellanza presentata dal liberale Jacques Bourgeois e firmata da altri 28 parlamentari. «Forse non sono consapevoli che in alcune regioni la mancanza di copertura di rete potrebbe impedire al GPS di emettere il segnale», aggiunge. Il gruppo di deputati denuncia lo studio del Politecnico come un tentativo di mettere in discussione le pratiche degli allevatori, «insieme alle nostre tradizioni, usi e costumi, parte del nostro patrimonio».

«È intollerabile un simile spreco di soldi pubblici», aggiunge. Rispondendo ai parlamentari, il governo afferma comunque oggi di non voler contestare «la fondatezza dello studio», nè intervenire infrangendo i principi di libertà d'insegnamento e di ricerca. Sottolinea inoltre che, «l'insegnamento e la ricerca sulle pratiche d'allevamento hanno contribuito al miglioramento del benessere degli animali richiesto dalla società».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X