Venerdì, 21 Settembre 2018
BENI CULTURALI

Musei, il ministro Franceschini: "Nuove norme contro scioperi selvaggi"

ROMA. «Non ne farei un problema generale di azione sindacale ma di alcune frange che fanno del male anche ai sindacati». Ospite di Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa, il ministro risponde sul caso Pompei e sugli scioperi selvaggi.  «Come ci sono regole particolari sui servizi pubblici, così devono esserci per i musei e per i luoghi della cultura».

«Quando hai mille o duemila turisti in fila - spiega ancora il ministro Franceschini -, persone che hanno prenotato il biglietto mesi prima, con tutti i riflettori del mondo puntati, e fai un'assemblea sindacale tre giorni di seguito, dalle 8,30 alle 11,30, è chiaro che non stai esercitando un diritto ma cerchi di creare problema, e stai anche danneggiando il Paese».

Le dichiarazioni seguono la vicenda verificatasi a Pompei la scorsa settimana, quando, a causa di uno sciopero indetto dal personale e dai sindacati, per protestare contro il sovraccarico di lavoro, i cancelli sono rimasti chiusi, facendo registrare per due giorni un flop tra i turisti in fila per entrare a visitare gli scavi.

"Un danno incalcolabile per l'immagine dell'Italia intera" aveva detto il ministro per i Beni culturali e il Turismo Dario Franceschini  su Twitter la sua protesta contro il blocco degli ingressi agli scavi causati dalle agitazioni sindacali.  "Da quando sono ministro a Pompei sono arrivate 78 persone per superare le carenze di personale", aveva poi aggiunto in un successivo tweet .

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X