Sabato, 22 Settembre 2018
L'ANALISI

Fuga dall'Italia, Prodi: "Nuove migrazioni sono di giovani e pensionati"

L'ex premier spiega che laureati e professionisti vanno all'estero per il lavoro, mentre i più anziani per trovare costi della vita più abbordabili. "Questi flussi devono essere corretti dalla politica"

ROMA. Non c'è solo il flusso migratorio interno da Sud a Nord e quello degli stranieri dalle periferie dell' Europa e dal Mediterraneo, ma anche quello di giovani laureati e professionisti che cercano lavoro all' estero, "70mila unità all'anno, e la corrente "nuova e in via di rapida crescita" dei "pensionati che vanno a vivere all'estero alla ricerca di un clima più mite, di costi della vita più abbordabili e di un regime fiscale più favorevole": si avvicinano ai 400mila le pensioni pagate dall'Inps all'estero, scrive Romano Prodi in un'analisi in prima pagina sul Messaggero.

"Una notevole parte di questi flussi migratori - afferma l'ex premier - appare necessaria e inevitabile", ma "non sono solo conseguenza del destino. Essi possono e debbono essere corretti e guidati dalla politica". "L'Italia non può continuare a spendere centinaia di migliaia di euro per istruire laureati o specialisti che, in numero ormai esorbitante, andranno poi a trasferire all'estero le proprie competenze": Prodi rimarca come impieghiamo risorse "per aumentare il tasso di innovazione e di sviluppo degli altri" e al contempo siamo "sul banco degli accusati perché la produttività del nostro sistema non progredisce".

"Aumentare la spesa pubblica e privata nella ricerca e nell' innovazione non è quindi un lusso ma è l'unico modo per fare avanzare il nostro sistema economico e per utilizzare le risorse umane che abbiamo preparato con tanti anni di impegno e di spesa", spiega.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X