australia, circuito, Moto, MOTOGP, Dani Pedrosa, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, Sicilia, Sport
MOTOGP

Rossi-Pedrosa-Lorenzo, lotta per il secondo posto in Australia

In ballo ci sono i premi importanti delle squadre ai piloti per il risultato

PHILLIP ISLAND. Inizierà con la prossima gara in calendario a Phillip Island in Australia, la lotta per il secondo posto del mondiale tra Valentino Rossi, Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo. Con il Mondiale ormai nelle mani di Marc Marquez dopo il secondo posto ottenuto a Motegi e le undici vittorie già messe da parte durante la stagione, adesso inizia una battaglia singolare e durissima.

Sarà un confronto serrato, soprattutto tra Dani Pedrosa e Valentino Rossi, che sono a pari punti nel mondiale a quota 230. Ma Jorge Lorenzo è li, a soli tre punti dai due avversari. Il secondo posto, che banalmente è definito il primo tra i perdenti, è in realtà una posizione ambitissima. In ballo ci sono i premi importanti delle squadre ai piloti per il risultato oltre al segnale chiaro che si può mandare al bicampione del mondo Marc Marquez. Il ragazzino di Cervera, che non ha paura di nulla e di nessuno, saprà in anticipo sulla nuova stagione, chi sarà il suo avversario numero uno per l'anno prossimo proprio da questo confronto. Sarà dunque un bello spettacolo quello che andrà in scena a partire dal Gp d'Australia questa domenica. Il circuito di Phillip Island dopo essere stato terreno di caccia di Rossi in passato, ha visto Casey Stoner dominare (prima con la Ducati e poi con la Honda) mentre dall'anno scorso è Jorge Lorenzo il nuovo padrone di casa. Dani Pedrosa però, potrebbe sperare in un aiuto da parte di Marc Marquez, dopo non aver intralciato il suo compagno di squadra nella sua marcia trionfale nella stagione e nell'ultima gara a Motegi. Ma Marquez, che ha già dichiarato di voler continuare a vincere a partire dalle ultime gare ancora da disputare, con Phillip Island ha un conto in sospeso.

Lo scorso anno il pilota dell'Honda venne squalificato per non essere rientrato a cambiare la moto nei dieci giri di sicurezza stabiliti per via delle gomme Bridgestone non in grado di terminare la gara a causa del nuovo asfalto super abrasivo della pista nei pressi di Melbourne. La sfida dunque sarà interessante. Da una parte tre protagonisti assoluti della scena mondiale che si sfidano per il secondo posto nel mondiale, e dall'altra un campione ancora non pago delle sue (tantissime) vittorie stagionali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati