SEQUESTRO

Siria, un parroco e venti cristiani rapiti in un villaggio al nord del paese

Lo riferisce l'agenzia Fides citando il vescovo Georges Abou Khazen, Vicario apostolico di Aleppo per i cattolici di rito latino.

parroco, rapimento, sequestro, Siria, Sicilia, Mondo

ROMA. Un parroco siriano e «una ventina» di altri cristiani sono stati rapiti in un villaggio del nord della Siria al confine con la Turchia ma non è chiaro chi abbia compiuto il sequestro. Lo riferisce l'agenzia Fides citando il vescovo Georges Abou Khazen, Vicario apostolico di Aleppo per i cattolici di rito latino.

«Purtroppo devo confermare la notizia del rapimento di padre Hanna Jallouf OFM, parroco siriano nel villaggio di Knayeh, che è stato sequestrato insieme a una ventina di cristiani», ha detto il vescovo all'agenzia.

«Il sequestro collettivo - ha aggiunto Khazen - è avvenuto nella notte tra domenica 5 e lunedì 6 ottobre. Al momento non sappiamo chi li abbia sequestrati, se siano stati gruppi di jihadisti o altri. Non riusciamo a contattare nessuno, e non siamo stati contattati da nessuno. Sappiamo soltanto che anche ieri il convento è stato saccheggiato, e altre persone del villaggio si sono nascoste. Tra i rapiti ci sono giovani, sia ragazzi che ragazze».

L'agenzia ricorda che Knayeh è un villaggio cristiano vicino al confine con la Turchia. I frati minori della Custodia di Terra Santa sono presenti nella valle dell'Oronte da oltre 125 anni. Oltre al convento le suore francescane gestiscono un centro giovanile, un asilo e un ambulatorio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati